Sono arrivati di prima mattina nel cantiere sotto la pila 8 dell’ex ponte Morandi i pezzi di acciaio che costituiranno la prima pila e il primo impalcato del nuovo ponte di Genova. L’acciaio, prodotto nello stabilimento Fincantieri di Castellammare di Stabia, verrà assemblato direttamente in cantiere dal personale di PerGenova, l’ati di costruttori composta da Fincantieri, Salini Impregilo e Italferr. Intanto, sulla pagina Fb di PerGenova, un video prodotto da Italferr svela il nuovo ponte che, si legge nella didascalia “grazie alle sue linee snelle, risulterà armonico e slanciato. La solidità sarà garantita da 67 mila metri cubi di calcestruzzo armato con 9 mila tonnellate di acciaio”. L’intera ‘travata’ sarà lunga 1067 metri, 18 saranno le pile ellittiche in cemento armato (sono già in corso gli scavi per le fondazioni di 9 pile), 80 mila metri cubi di scavi, 9 mila le tonnellate di acciaio per le armature e 15 mila quelle per la carpenteria metallica. Verranno usati 67 mila metri cubi di calcestruzzo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, cani pitbull usati per proteggere il fortino della droga: arrestati 4 spacciatori

prev
Articolo Successivo

Calabria, traghetto fermo in mare nella notte con 250 passeggeri. “Non ci hanno dato assistenza né informazioni”

next