È stato diffuso oggi dalla Guardia di Finanza il video inedito, e fino a oggi secretato, del crollo del ponte Morandi il 14 agosto dello scorso anno. I fotogrammi sono presi dalle telecamere di sorveglianza dell’azienda Ferrometal che si trovava sotto al viadotto autostradale che attraversava il fiume Polcevera, a poche decine di metri dal tratto crollato. Dalle immagini si vede la sommità della pila 9 che si stacca e l’intera struttura (impalcato, piloni e i tiranti) sembrerebbe girarsi su se stessa piegandosi come dalle ricostruzioni delle molte testimonianze emerse fino a oggi.

Il crollo viene preceduto da una forte raffica di vento. Dopo il crollo si vedono alcuni lampi provocati, con ogni probabilità, da cavi della linea elettrica tranciati dai detriti. Secondo gli investigatori quel video sarebbe la prova regina che dimostra quale parte della struttura abbia ceduto determinandone il collasso. Su autorizzazione della Procura della Repubblica di Genova e venuta meno la secretazione del documento in quanto è stato messo a disposizione delle parti, da qui la decisione di diffondere le immagini per assolvere alle esigenze di pubblica informazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Civitavecchia, tensione al porto tra polizia e famiglia tunisina. Agente perde il controllo ed estrae la pistola: “Ti sparo”

prev
Articolo Successivo

Migranti, nuovo sbarco a Lampedusa. 25 persone arrivano sull’isola tra la curiosità di residenti e turisti

next