Gli scarpini neri appena macchiati dall’erba. I calzettoni rossi che arrivano fin sotto le ginocchia. Le gambe nude, sudate, avvolte da un paio di pantaloncini blu e la maglietta gialla, con il numero 2 stampato sul petto. Sono i Mondiali del 1994 e disteso a terra, con le mani che gli coprono il viso, c’è Andrés Escobar Saldarriaga. Indossa la divisa della Nazionale colombiana e ha appena segnato, ma nella porta sbagliata. Questa è la sua storia. La storia di un sogno e di una vita spezzati troppo in fretta. La storia di un campione ucciso per un autogol.

Andrés Escobar, 25 anni fa l’autogol che fece scoprire al mondo i legami tra il calcio colombiano e i cartelli della droga

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Foggia Calcio, 9 indagati per riciclaggio e reati tributari: ci sono i due proprietari, il presidente, l’a.d. e alcuni imprenditori

prev
Articolo Successivo

Tesillo 25 anni dopo Escobar: minacce di morte al difensore colombiano dopo il rigore sbagliato in Coppa America

next