Gli scarpini neri appena macchiati dall’erba. I calzettoni rossi che arrivano fin sotto le ginocchia. Le gambe nude, sudate, avvolte da un paio di pantaloncini blu e la maglietta gialla, con il numero 2 stampato sul petto. Sono i Mondiali del 1994 e disteso a terra, con le mani che gli coprono il viso, c’è Andrés Escobar Saldarriaga. Indossa la divisa della Nazionale colombiana e ha appena segnato, ma nella porta sbagliata. Questa è la sua storia. La storia di un sogno e di una vita spezzati troppo in fretta. La storia di un campione ucciso per un autogol.

Andrés Escobar, 25 anni fa l’autogol che fece scoprire al mondo i legami tra il calcio colombiano e i cartelli della droga

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Foggia Calcio, 9 indagati per riciclaggio e reati tributari: ci sono i due proprietari, il presidente, l’a.d. e alcuni imprenditori

next
Articolo Successivo

Tesillo 25 anni dopo Escobar: minacce di morte al difensore colombiano dopo il rigore sbagliato in Coppa America

next