Il parere della commissione di giuristi del ministero delle Infrastrutture è stato fatto trapelare “in modo pilotato e parziale” senza che Autostrade ne fosse a conoscenza. In una nota la società del gruppo Benetton critica la diffusione di notizie in merito alla relazione degli esperti consegnata al Mit sulla possibile revoca della concessione ad Aspi per il crollo del Ponte Morandi. Le indiscrezioni riportate da una sintesi che circola tra i ministri M5s parlano di una possibile strada per arrivare alla revoca, un “grave inadempimento” che secondo la commissione – sempre in base alla lettura che ne fa la componente Cinquestelle – renderebbe nulle  alcune clausole della convenzione che prevedono risarcimenti per risoluzione anticipata. Una lettura contestata da Autostrade che replica: “I termini della Convenzione prevedono, nella denegata ipotesi di revoca, il pagamento di un indennizzo“.

“Autostrade per l’Italia dichiara di non aver ricevuto alcuna comunicazione in relazione al procedimento in corso e di aver appreso solo da notizie di stampa dell’esistenza e dei contenuti della relazione della Commissione ministeriale insediata presso il Mit”,si legge nella nota. Aspi “contesta il metodo di diffusione alla stampa in modo pilotato e parziale di stralci di tale relazione, prima ancora che essa sia resa nota alla controparte, come è richiesto dal procedimento amministrativo in essere”. La società del gruppo Benetton tiene poi a ribadire, appunto, che “i termini della Convenzione prevedono, nella denegata ipotesi di revoca, il pagamento di un cosiddetto indennizzo che corrisponde al giusto valore della concessione, secondo i criteri contrattualmente previsti”.  “La sussistenza di tale obbligo di indennizzo, come riportato dalla stampa, è confermata anche dalla stessa relazione della Commissione”, conclude Autostrade.

Gli esperti hanno precisato che Aspi potrà chiedere il risarcimento in sede contenziosa e non si può escludere che li ottenga. Cifre possibili, però, nell’abstract, non ce ne sono. Domenica sera Luigi Di Maio ha rivendicato che “noi ci stiamo muovendo nel rispetto del contratto di concessione e nel solco dei contratti in essere”. Lo stesso ministro dello Sviluppo è tornato sul tema delle eventuali penali che Mediobanca aveva calcolato in una possibile entità di 22 miliardi e che Autostrade farebbe lievitare a 25 miliardi. Ma Di Maio ha ricordato che la stessa convenzione con Autostrade “parla chiaro”: all’articolo 9 bis – spiega – prevede che il diritto a indennizzo-risarcimento del concessionario sussiste “nel rispetto del principio dell’affidamento“. Di fronte a gravi inadempienze come il crollo del Ponte di Genova, ha concluso Di Maio “è evidente che questo principio viene a mancare”. In particolare, spiega la Commissione, il crollo del viadotto ha comportato “la mancata restituzione di un bene” che la società doveva custodire e restituire integro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Etichettatura grano, lobby Canada contro l’Italia. “Inefficaci sulla trasparenza. E lo sarà anche il regolamento Ue”

next
Articolo Successivo

Autostrade, i giuristi del Mit: “Alto rischio di contenzioso con revoca concessione”. Toninelli: “Non gli diamo un centesimo”

next