Una stretta all’evasione per gli affitti brevi e l’istituzione di un registro nazionale di tutte le strutture ricettive, comprese le case vacanza. Sono le novità introdotte da un pacchetto di emendamenti della maggioranza al Decreto Crescita per fermare i cosiddetti “furbetti” degli affitti brevi. Sono migliaia infatti i locatari che ogni anno affittano, in proprio o attraverso le piattaforme online come Airbnb o Homeaway, le loro seconde case o appartamenti senza però rispettare le regole. E l’estate, con il boom della locazione di breve e lungo periodo, è ovviamente la stagione in cui il fenomeno si verifica maggiormente. Il business secondo gli esperti del settore è in continua crescita. Sebbene alcune piattaforme prevedano il pagamento delle tasse già direttamente online al momento della prenotazione, in realtà sono ancora molti quelli che non corrispondono la cedolare secca all’Erario o l’imposta di soggiorno al Comune. Ma vediamo nel dettaglio quali sono le vecchie e le nuove regole per l’affitto di una casa vacanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aiuti alle famiglie, dai sussidi economici ai congedi parentali lunghi: ecco come funzionano negli altri Paesi europei

next