Non so se ora siamo più felici di quando eravamo insieme“. È la conclusione a cui è giunto Giancarlo Magalli sul rapporto tra lui e la sua ex moglie Valeria Donati, sposata in seconde nozze nel 1989 e con cui ha avuto la figlia Michela. Il conduttore ha voluto dedicarle sui social un messaggio d’auguri pieno di affetto per il suo compleanno, condividendo con i followers alcune sue riflessioni e lasciandosi andare ai ricordi.

Sono passati esattamente 30 anni da quel giorno – ha scritto Magalli -. Ne sono passati anche una decina da quando quel matrimonio è finito, ma non sono finiti l’affetto, la stima e la vicinanza con Valeria. Ovviamente la cosa che ci unisce di più è l’amore per nostra figlia Michela, un amore che nessun atto giudiziario può scalfire, ma tante altre cose sono rimaste. Abbiamo avuto più alti e bassi da separati che da sposati ma sempre, comunque, più alti che bassi. E la separazione prima ed il divorzio poi non sono state delle saracinesche che ci hanno chiuso fuori l’uno dalla vita dell’altra. Abbiamo continuato a volerci bene, seppure in modo diverso, a darci consigli non richiesti, a criticarci, a ridere ed a cercare di essere, anche divisi, fonte di felicità per nostra figlia”.

E ancora: “Non so se ora siamo più felici di quando eravamo insieme, ma ognuno ha fatto le sue scelte e comunque 22 anni di felicità lasciano un patrimonio che 10 anni di separazione non riescono ancora ad intaccare. Auguri, Valeria, è un traguardo che in qualche modo festeggiamo ancora insieme, noi tre. P.S. Fu sicuramente una bella festa, ma niente di holliwoodiano!”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Morgan accetta la proposta di Vittorio Sgarbi e si trasferisce a Sutri. Il trasloco? “Potrebbe essere anche tra due ore”

next
Articolo Successivo

Nel 2050 “la terra è destinata a collassare”: “Ondate di calore insostenibili, scarsità d’acqua, guerre e carestie”

next