Non so se ora siamo più felici di quando eravamo insieme“. È la conclusione a cui è giunto Giancarlo Magalli sul rapporto tra lui e la sua ex moglie Valeria Donati, sposata in seconde nozze nel 1989 e con cui ha avuto la figlia Michela. Il conduttore ha voluto dedicarle sui social un messaggio d’auguri pieno di affetto per il suo compleanno, condividendo con i followers alcune sue riflessioni e lasciandosi andare ai ricordi.

Sono passati esattamente 30 anni da quel giorno – ha scritto Magalli -. Ne sono passati anche una decina da quando quel matrimonio è finito, ma non sono finiti l’affetto, la stima e la vicinanza con Valeria. Ovviamente la cosa che ci unisce di più è l’amore per nostra figlia Michela, un amore che nessun atto giudiziario può scalfire, ma tante altre cose sono rimaste. Abbiamo avuto più alti e bassi da separati che da sposati ma sempre, comunque, più alti che bassi. E la separazione prima ed il divorzio poi non sono state delle saracinesche che ci hanno chiuso fuori l’uno dalla vita dell’altra. Abbiamo continuato a volerci bene, seppure in modo diverso, a darci consigli non richiesti, a criticarci, a ridere ed a cercare di essere, anche divisi, fonte di felicità per nostra figlia”.

E ancora: “Non so se ora siamo più felici di quando eravamo insieme, ma ognuno ha fatto le sue scelte e comunque 22 anni di felicità lasciano un patrimonio che 10 anni di separazione non riescono ancora ad intaccare. Auguri, Valeria, è un traguardo che in qualche modo festeggiamo ancora insieme, noi tre. P.S. Fu sicuramente una bella festa, ma niente di holliwoodiano!”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Morgan accetta la proposta di Vittorio Sgarbi e si trasferisce a Sutri. Il trasloco? “Potrebbe essere anche tra due ore”

next
Articolo Successivo

Nel 2050 “la terra è destinata a collassare”: “Ondate di calore insostenibili, scarsità d’acqua, guerre e carestie”

next