Quas quarant’anni dopo il presidente della Repubblica è ancora costretto a parlare di “ragioni di verità e dello stato di diritto”. Quello della Camera chiede di “continuare il percorso di verità“, perché restano “irrisolti tanti interrogativi”. Era il 27 giugno del 1980 quando il Dc-9 dell’Itavia precipitò nel mare di Ustica. Ottantuno le persone che rimasero uccise: trentanove anni dopo non è esiste ancora una verità definitiva e storica sulla strage. “Trentanove anni dopo, la ferita di Ustica richiama, ancora una volta, il Paese ad un sentimento di forte solidarietà verso i familiari delle 81 vittime del volo Bologna-Palermo che videro spezzate le loro vite. È una tragedia indelebile nella memoria e nella coscienza della nostra comunità nazionale. In questa giornata rinnovo la partecipazione della Repubblica al dolore comune e confermo il costante impegno per la ricostruzione univoca delle circostanze in cui persero la vita tanti nostri concittadini”, ha detto Sergio Mattarella . “Devono guidarci in questo l’affermazione delle ragioni della verità – ha continuato il capo dello Stato – e dello stato di diritto e il riconoscimento della professionalità di donne e uomini che hanno operato in questa direzione”, dice il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in una dichiarazione, nell’anniversario della strage.

Anche Roberto Fico ha inviato un messaggio. “L’aspettativa di verità e giustizia per quella strage in cui persero la vita 81 persone non può essere tradita. Restano irrisolti i tanti interrogativi sulle cause e sulle responsabilità. In questi anni c’è stato un impegno tenace da parte dell’Associazione dei familiari delle vittime e le Istituzioni devono continuare a stare al loro fianco”, dice il presidente della Camera.  “Per questo – prosegue la seconda carica dello Stato – occorre proseguire nel percorso di verità e di trasparenza che è essenziale per la salute della democrazia. La Camera ha già fatto passi importanti in questa direzione rendendo disponibili numerosi documenti declassificati. Un percorso che prosegue e che ha visto la creazione del portale delle Commissioni parlamentari di inchiesta. Nella stessa prospettiva, serve anche assicurare la massima collaborazione delle autorità di altri Paesi che potrebbero essere coinvolti nella vicenda di Ustica. Per questo ho sottoposto nei mesi scorsi la questione al Presidente dell’Assemblea nazionale francese che, nel ribadirmi il suo impegno, mi ha informato di aver sensibilizzato allo scopo il Ministro della giustizia francese. La Repubblica ha il dovere di perseguire la verità e la giustizia. È un impegno che dobbiamo onorare perché lo impone il senso stesso di comunità”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Varese, botte e insulti alla figlia disabile: arrestata la madre. Il procuratore: “Tutti sapevano ma nessuno ha denunciato”

next
Articolo Successivo

Sea Watch, la capitana Carola Rackete: “Ci hanno detto di essere pazienti, perché la situazione si sta sbloccando”

next