“Senza gli arresti dovuti al proibizionismo il sistema penitenziario italiano rientrerebbe nella legalità costituzionale“. Ad affermarlo sono i curatori del decimo “Libro Bianco” sulle droghe, presentato oggi alla Camera dei Deputati in occasione della Giornata della lotta alla droga e al narcotraffico: “La tendenza alla crescita della popolazione carceraria – ha detto Stefano Anastasia, uno dei curatori del testo – è sempre trainato dalla legge sulla droga. È di fatto lo strumento con cui si riempiono e si svuotano le carceri. E in questo periodo le carceri piacciono piene”.

Il libro – promosso da Associazione Luca Coscioni, La Società della Ragione, Forum Droghe, Antigone, CGIL, CNCA – passa in rassegna trent’anni di leggi e politiche in materia di droga e raccoglie i dati relativi al 2018. In Italia la media degli arresti per reati connessi alle droghe è del 30%, rispetto a una media mondiale intorno al 20%. Numeri dovuti, secondo il Libro Bianco, al Testo unico sulle droghe, la cosiddetta legge Jervolino-Vassalli, che viene messa sotto accusa come la principale causa di ingresso nelle carceri: 14.118 dei 47.258 ingressi in carcere nel 2018 sono stati causati da imputazioni o condanne per detenzione di sostanze illecite a fini di spaccio. Altri 5.488 per associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, solo 940 esclusivamente per traffico di droga.

Inoltre, si legge nel libro, solo l’1.14% degli incidenti stradali avviene per guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti. E anche i dati della sperimentazione dello screening rapido su strada indicano che a poco più dell’1% dei conducenti risulta positivo ai test. Di questi una media superiore al 20% viene “scagionato” dalle analisi di laboratorio.

Sul tema è intervenuto anche il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che ha affermato che è necessario accrescere l’azione e la cooperazione a livello nazionale e internazionale per combattere l’abuso e il traffico illecito di droga: “Il grave ed allarmante fenomeno della tossicodipendenza, che ha assunto nel tempo nuove e più insidiose forme di penetrazione, di accesso e di assuefazione e che colpisce tanti ragazzi in situazioni di difficoltà materiale, psicologica e ambientale, esige il rafforzamento degli strumenti di prevenzione e di controllo da parte delle istituzioni”, ha affermato. “All’impegno dello Stato non può non affiancarsi – ha aggiunto Mattarella – l’opera insostituibile delle famiglie, della scuola e di quel vasto e articolato settore del volontariato che ha saputo spesso offrire speranza e fiducia attraverso un’efficace azione di prevenzione, di educazione, di recupero e di reinserimento sociale“.

Sul tema della tossicodipendenza nel Libro Bianco viene riportato che quasi il 28% dei detenuti sono ritenuti tossicodipendenti: una percentuale che supera il picco raggiunto dall’entrata in vigore della Fini-Giovanardi (27,57% nel 2007), numeri successivamente riassorbiti grazie a interventi legislativi correttivi. Secondo Susanna Marietti, coordinatrice dell’associazione Antigone, “i Paesi dove più si persegue la criminalizzazione delle tossicodipendenze sono anche quelli dove inevitabilmente si hanno i costi più alti in termini di salute. La repressione attorno alla droga costa circa 100 miliardi l’anno e ad avvantaggiarsene sono solo i grandi cartelli criminali”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sea Watch, chi è Carola Rackete, la capitana che ha forzato il blocco italiano

next
Articolo Successivo

Sea Watch, verrà un giorno in cui questa storia ci sembrerà davvero assurda

next