“Immaginare il carcere per i giornalisti sarebbe come sparare con il bazooka contro una formica”. A margine della presentazione del libro “Ghetti” a Milano, l’avvocato penalista Caterina Malavenda ha criticato la proposta di Matteo Salvini di punire con il carcere i giornalisti che pubblicano intercettazioni non rilevanti penalmente: “Basta pensare che sia nel caso del terremoto in Emilia sia in quello del Csm ci sono intercettazioni non penalmente rilevanti, ma che sono fondamentali. A volte un’intercettazione di questo tipo ha un’interesse pubblico maggiore rispetto ad quelle con valenza penale. Penso che sia necessario dare il carcere a chi mette davvero in pericolo la società e non certo ai giornalisti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Csm, il Consiglio d’Europa segue il caso: chieste informazioni all’Italia. A dicembre scriveva: “Leggi su toghe in politica”

next
Articolo Successivo

Manduria, anziano vittima della baby-gang: altri nove arresti, otto sono minori. “Calci e pugni anche a un altro invalido”

next