Il candidato dell’opposizione Ekrem Imamoglu ha vinto per la seconda volta in due mesi le elezioni per il sindaco di Istanbul, in Turchia, dopo che il primo voto era stato annullato il 31 marzo per irregolarità a seguito delle pressioni fatte dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Il motivo era che Imamoglu, membro del Partito popolare repubblicano, aveva vinto con solo 14mila voti di scarto su un totale di 10 milioni. Ma anche stavolta, con il 55% delle preferenze su oltre il 60% delle schede scrutinate, il candidato dell’opposizione ha battuto Binali Yildirim, ex premier legato al presidente Erdogan. La vittoria di Imamoglu è stata già riconosciuta dal suo avversario: “Mi congratulo con lui, augurandogli successo. Le elezioni significano democrazia, queste elezioni hanno ancora una volta dimostrato che la democrazia funziona perfettamente in Turchia”. È la prima volta in 25 anni che la formazione di Governo, il Partito della giustizia e dello sviluppo, viene sconfitto a Istanbul.

“Oggi abbiamo chiuso una vecchia pagina e ne abbiamo aperto una nuova. Lavorerò senza escludere nessuno”, ha dichairato Imamoglu rivendicando la vittoria. “L’ora della democrazia si era purtroppo interrotta il 31 marzo, ma adesso è ripartita”, ha proseguito, ringraziando anche gli elettori degli altri partiti. Anche Erdogan si congratulato con il vincitore, e ha aggiunto che “oggi la volontà della nazione si è manifestata ancora una volta”. Due mesi fa, dopo che il Consiglio elettorale supremo ha accolto la richiesta del Partito della giustizia e dello sviluppo di annullare le elezioni, a Istanbul ci sono stato diverse proteste pacifiche a anche una serie di condanne a livello internazionale. Dal canto suo, Imamoglu si è sempre detto certo di una nuova vittoria. Il mancato sindaco ha tranquillizzato per mesi i suoi sostenitori affermando che “andrà tutto bene”, una frase poi divenuta lo slogan elettorale del Partito popolare repubblicano.

Nella storia politica turca, Istanbul è considerato il principale trampolino di lancio verso il governo del Paese. Anche se la capitale è Ankara, Istanbul, con i suoi 15 milioni di abitanti, è la città più popolosa e il principale centro economico del Paese. Il sindaco, oltre che avere il controllo su un’enorme macchina amministrativa ottiene anche molta visibilità. La carriera politica di Erdogan iniziò proprio come sindaco della città, all’inizio degli anni Novanta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa e Russia, la vera guerra è cibernetica. Nyt: “Washington voleva colpire Mosca con dei blackout”. Trump: “Bugiardi”

next
Articolo Successivo

Felicia Langer: ebrea, comunista e una vita dedicata a difendere i prigionieri palestinesi

next