Il principe William e Kate Middleton sono rimasti coinvolti in un incidente stradale mentre da Kensington Palace stavano raggiungendo il castello di Windsor dove li attendeva la regina Elisabetta per la cerimonia dell’Ordine della Giarrettiera. Una moto della polizia della scorta reale dei Duchi di Cambridge ha infatti travolto una signora di 83 anni, ora ricoverata in ospedale in condizioni gravi ma stabili. L’incidente è avvenuto nel quartiere di Richmond, a sud-ovest di Londra, alle 12:50 di lunedì.

Sembra che lo scontro abbia coinvolto una moto della Met Police e l’Independent Office of Police Conduct ha avviato un’indagine. Non è infatti ancora chiaro se l’anziana, identificata con il nome di Irene Mayor, sia stata colpita, o se sia caduta da sola. Trasportata in uno degli ospedali della capitale britannica, al momento si sa soltanto che si trova in condizioni piuttosto serie, ma stabili. Il duca e la duchessa non hanno visto l’incidente e, in linea con le procedure di sicurezza, il convoglio ha continuato la sua corsa.

Kensington Palace ha detto che la coppia reale è “profondamente preoccupata e rattristata” ed è in contatto con la donna, a cui ha anche inviato dei fiori. Un portavoce del palazzo ha dichiarato: “Le loro altezze reali hanno inviato i loro migliori auguri a Irene e alla sua famiglia e resteranno in contatto in ogni fase della sua guarigione”. Si tratta del quarto incidente stradale che coinvolge un membro della famiglia reale in sette mesi. A gennaio il duca di Edimburgo, marito di Elisabetta II, si è ribaltato con la propria auto nel Norfolk inglese, a poca distanza dalla residenza di Sandringham. Il principe 97enne è rimasto illeso, ma per lo shock ha “volontariamente” deciso di rinunciare alla patente di guida.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lisa Marzoli, la nuova conduttrice de La Vita in Diretta Estate: “Sono viva per miracolo”

prev
Articolo Successivo

Il tribunale di Milano indaga sul pappagallo di Portobello: “È altamente equilibrato, ottimamente socializzato e…”

next