“Questa maledetta donna resti in carcere per trent’anni, messa in condizione di non aver più figli e i suoi poveri bimbi vengano dati in adozione a famiglie perbene. Punto”. Sono le parole utilizzate in un tweet dal vicepremier del governo M5s-Lega e ministro dell’Interno Matteo Salvini. La “maledetta” è Vasvija Husic, 32 anni, di origine bosniaca e secondo alcune fonti di etnia rom, residente ad Aprilia, soprannominata “Madame Furto” che, condannata in via definitiva di 25 anni di reclusione sarebbe riuscita a ottenere il differimento della pena perché in stato di gravidanza.

 

Approfittando della libertà, la donna è tornata subito al “lavoro”, in compagnia di tre complici, ed è stata nuovamente arrestata, dai Carabinieri della Stazione Roma Via Vittorio Veneto. Le quattro avevano preso di mira una turista 86enne del Perù, disabile in sedia a rotelle, rubandole il borsello con il denaro, approfittando della calca e dopo averla accerchiata alla fermata metro Flaminio. A quel punto gli uomini dell’arma sono intervenuti recuperando la refurtiva.

Variegate, su Twitter, le reazioni alle parole del ministro: alcuni utenti del social network sono d’accordo con lui, altri condannano le sue parole. “Frase di una violenza inaudita“, commenta qualcuno. “Qualcosa di equivalente alla castrazione chimica?”, domanda qualcun altro. “Messa in condizione di non avere più figli non vuol dire sterilizzata”, replica chi è d’accordo con il capo del Viminale. “Messa in condizione di non avere più figli”. Firmato: il devoto alla madonna e a padre pio”, chiosa un commentatore in disaccordo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ponte Morandi, tensione tra cittadini e il sindaco Bucci: “Chi pensa alla nostra salute?”. “È la priorità”

prev
Articolo Successivo

Verona, bambina di 10 anni ricoverata per il tetano: non era stata vaccinata

next