In questi giorni sui social sta spopolando una frase: “Eppure…non è così :) Baci”. Parole che sono diventate virali perché sono spuntati come funghi meme, citazioni, battute ad effetto a più non posso. Ma come nasce questo fenomeno curioso? Tutto risale al 12 giugno scorso, quando una ragazza – che sta sostenendo gli esami di maturità come si evince dal suo profilo Twitter – fan dei Twenty One Pilots ed Ed Sheeran, scrive: “Ci sono cantanti italiani contemporanei che meriterebbero di essere conosciuti all’estero come Cesare Cremonini, Marco Mengoni, Giorgia, Annalisa. E poi ci sono altri cantanti italiani che non meriterebbero di essere conosciuti all’estero: Laura Pausini, Pausini Laura, LAURA PAUSINI”. La risposta dell’artista, impegnata attualmente nelle ultime prove per lo show negli stadi con Biagio Antonacci al via il 26 giugno da Bari, è stata immediata e ironica: “Eppure…non è così :) Baci”.

Da quel momento in molti hanno ripreso la riposta dell’artista per qualche battuta, per rispondere ai politici da Matteo Salvini a Giorgia Meloni, o addirittura per prendere in giro i customer care di alcune note aziende. Ad esempio, una famosa compagnia telefonica ha salutato i propri follower così: “Auguriamo una felice giornata a tutti”, nel tweet successivo è apparso un utente che ha risposto “Eppure…non è così :) Baci”. Ma andando a leggere i vari commenti sui social si scopre come in molti abbiano associato la risposta della Pausini anche per considerazioni inerenti alla vita quotidiana e sentimentale. “Hai il mio cuore – Eppure…non è così :) Baci”, “Prova costume superata – Eppure…non è così :) Baci”, “Finalmente in metro usano i deodoranti – Eppure…non è così :) Baci” o anche “Quest’anno pago meno tasse – Eppure…non è così :) Baci” e il classico “Quando pensi che stia arrivando una gioia – Eppure…non è così :) Baci”. Intanto Laura Pausini, venuta a conoscenza del fenomeno virale, pare si sia divertita, leggendo anche alcuni dei meme che lei stessa ha contribuito a far nascere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il tribunale di Milano indaga sul pappagallo di Portobello: “È altamente equilibrato, ottimamente socializzato e…”

prev
Articolo Successivo

Andrea Camilleri è ancora in rianimazione: ecco come sta

next