Clima teso a Viale Mazzini, il prossimo 9 luglio la Rai svelerà ai giornalisti e agli inserzionisti pubblicitari i palinsesti della prossima stagione. Le incognite sono ancora numerose e resta da risolvere la pratica Sanremo 2020. Da settimane giornali e siti autorevoli segnalano Amadeus in pole position per la conduzione e la direzione artistica del Festival. Ipotesi caldeggiata nelle scorse settimane da nomi illustri della televisione: da Maurizio Costanzo (“Sarebbe giusto, se lo meriterebbe”) a Pippo Baudo (“Gli spetta di diritto”) oltre all’endorsement del suo amico Rosario Fiorello (“Amadeus lo merita, è giunto il suo momento”).

La celebrazione dei 70 anni della kermesse farebbe dunque pensare al volto Rai, anche in virtù dei numerosi successi ottenuti negli ultimi anni. Al conclave chi entra Papa esce Cardinale? Stando alle informazioni raccolte dal FattoQuotidiano.it, accennate anche dal sito Tvzoom, l’ad Fabrizio Salini starebbe pensando anche ad Alessandro Cattelan, conduttore di X Factor ed E poi c’è Cattelan. Una decisione che potrebbe creare un vero e proprio caso per la tv pubblica, tanto che alcuni dirigenti nei corridoi l’avrebbero già ribattezzata “la porcata”.

Nulla contro il conduttore di Tortona, giovane, bravo e apprezzato dalla critica. Cattelan è però un esterno e fino al prossimo dicembre sarà in onda su Sky con la nuova edizione di X Factor. Il passaggio in Rai avverrebbe dunque nel 2020 ma in realtà non sarebbe affatto scontato, c’è anche chi assicura che vorrebbe e potrebbe tranquillamente restare a Sky ottenendo una deroga per lo sbarco in Liguria a febbraio. Salini aveva già espresso dubbi sull’uso degli esterni, in questo caso potrebbe trattarsi di un passaggio “usa e getta” per poi fargli fare ritorno a casa in via Rogoredo.

Se non dovesse andare in porto l’ipotesi Amadeus qualcuno vorrebbe puntare su Cattelan alla conduzione affiancato da un direttore artistico esperto. Il presentatore di X Factor è però sconosciuto al pubblico della tv generalista e il suo arrivo sul palco dell’Ariston minerebbe gli equilibri interni alla rete. L’arrivo di Cattelan, raccontano i beninformati, starebbe incontrando le resistenze della direttrice di Rai1 Teresa De Santis e soprattutto di Rai Pubblicità. Fiorello su Instagram commentando un articolo di Repubblica aveva tuonato: “Conti indispettito per l’arrivo di Cattelan? Dovrebbe essere indispettito Amadeus se lo prendono a Sanremo. Ci rimarrebbe molto male, ha dato il sangue per l’azienda e poi prendono uno Sky. Io ci rimarrei male, senza nulla togliere al bravissimo Cattelan”. Chi la spunterà?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

RaiUno, il primo bilancio sui nuovi conduttori dei programmi estivi: chi “si salva”?

next
Articolo Successivo

Beppe Fiorello sbarca a Mediaset. E la sua prossima fiction andrà in onda su Canale5

next