Vengono prevalentemente dal Sud ma non solo. Gli aspiranti navigator (54 mila per circa 3000 posti di lavoro) arrivano da tutte le regioni d’Italia per partecipare al concorso Anpal che si tiene alla Fiera di Roma da oggi fino al 20 giugno. Sono psicologi, avvocati, educatori, economisti pochi di loro hanno chiaro che tipo di figura sia il navigator. “Mi aspetto un po’ di chiarezza – dice a Il Fatto Quotidiano un’economista dalla provincia di Napoli – e tanta formazione in Anpal perché il lavoro non è chiaro”.  “Questa figura fantomatica di navigator – dice un altro partecipante che arriva da Padova – si parla di assistenza tecnica ai centri per l’impiego, ma assistenza tecnica vuol dire tutto e niente”.

Chi non lavora o chi ha un lavoro precario spera che il navigator sia un primo passo per avere un posto fisso. “Io lascio un contratto a tempo indeterminato – dice a ilfatto.it un giovane psicologo napoletano – visto che sono laureato e ora lavoro in un call center”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Navigator, al primo turno di test alla Fiera di Roma si presenta solo il 35% dei candidati ammessi

prev
Articolo Successivo

Precari nel pubblico, come tutelarsi davanti all’ennesimo tempo determinato

next