Le immagini inedite di Fiorella Mannoia che fanno parte delle testimonianze confluite nel docuconcerto “Siamo Solo Noi”  di Giorgio Verdelli dedicato a Vasco Rossi, in onda  in esclusiva in prima serata su Canale 5 lunedì 17 giugno. La cantautrice parlando di Vasco ricorda:  “Quando alcuni giornalisti gli hanno chiesto cosa ne pensasse della versione di Sally cantata da me, lui rispose: l’ho scritta per lei e non lo sapevo. Penso che sia uno dei più bei complimenti che abbia ricevuto. Sono stata onorata e felice…perché quando interpreti la canzone di un altro, mi sono sempre detta,  l’importante è non fare danni…poi se si riesce a dare un valore aggiunto allora hai vinto. Si ha sempre paura del giudizio degli altri – conclude la Mannoia – soprattutto con un mostro sacro come Vasco è difficile che altre versioni  possano essere accettate  e invece devo dire che è stato bello.

“Siamo Solo Noi” è un docuconcerto di Giorgio Verdelli, produzione Giamaica, produzione esecutiva Sudovest.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, alla fabbrica del Vapore la sesta edizione di “Contaminafro identità in evoluzione”, il festival delle culture contemporanee

next
Articolo Successivo

Siamo solo noi, Vasco: “Il testo di Coca Cola? Era una provocazione contro la pubblicità”

next