Il Milan ha annunciato “di aver affidato a Paolo Maldini il ruolo di Direttore tecnico del Club. In questa nuova veste lavorerà a stretto contatto con il nuovo Chief Football Officer, Zvonimir Boban“. Tradotto: le due leggende rossonere hanno ora ufficialmente in mano le chiavi dell’area sportiva della società e toccherà a loro guidarne la rinascita nell’era Elliott. Così ha deciso l’amministratore delegato Ivan Gazidis che, dopo aver cacciato Leonardo, ha deciso di affidarsi all’ex capitano rossonero per gestire un futuro all’insegna degli investimenti sui giovani e di una crescita – sia fuori che dentro il campo – graduale ma sostenibile.

Maldini, dopo anni in cui è stato ed ha voluto rimanere lontano dai colori rossoneri, era arrivato l’anno scorso con il ruolo di Direttore dello sviluppo strategico dell’area sportiva. In pratica, il braccio destro di Leonardo che lo aveva convinto a entrare nella dirigenza. A 365 giorni di distanza il brasiliano non c’è più, Gennaro Gattuso ha lasciato la panchina e lui sceglierà il nuovo tecnico (Marco Giampaolo). “Dopo venticinque anni di gloriosa carriera da giocatore”, si legge nel comunicato del club, Maldini si occuperà ora di “tutte le attività e le priorità del momento, rappresentate dalla campagna trasferimenti, la pianificazione dei vari settori in vista del raduni estivi e degli impegni di precampionato“.

Al suo fianco ci sarà Boban che già ha alle spalle l’esperienza durata tre anni da vice segretario generale della Fifa. “Sono molto felice di tornare nel mio amato Milan cercando di dare il mio contributo per riportarlo lì dove deve essere. Deve essere un club protagonista e vincente, perché questa è l’unica natura della sua storia. Ed è la natura del tifo dei nostri tifosi”, sono state le sue prime parole. “Quando Paolo mi ha chiamato per avere la mia disponibilità, sono salito in macchina e sono andato a Milano a casa sua, in piena notte, per capire lo stato delle cose. Dopo aver parlato con Ivan e la proprietà, tutto era chiaro ed eccomi qua, nella città, nel mio club che amo e nella terra che mi ha dato tanto”, ha aggiunto Boban.

Il loro compito non sarà facile: la prossima settimana dovrebbero arrivare gli annunci del nuovo direttore sportivo Frederic Massara e di Giampaolo in panchina. Poi si comincerà a pensare seriamente al mercato: serviranno qualche cessione e investimenti lungimiranti, perché la grana più grossa è quella che riguarda l’Uefa, tra rispetto del Fair play finanziario e sentenze negative che potrebbero arrivare per le violazioni del passato. Intanto però l’arrivo di Maldini e Boban ha già avuto un primo effetto: riportare all’improvviso l’entusiasmo tra i tifosi rossoneri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli. De Laurentiis in cerca del suo Alex Ferguson, tra amori e divorzi. Serve un top player per matrimonio con Ancelotti

next
Articolo Successivo

Maurizio Sarri è il nuovo allenatore della Juve: l’enorme fascino di una scelta azzardata

next