Un’offerta da centinaia di migliaia di euro in investimenti pubblicitari da una delle più grandi aziende di compost in Italia, a patto di interrompere le inchieste sul compost in Veneto. Lo rivela Fanpage, raccontando con una videoinchiesta come, proprio all’indomani della richiesta di intervista ai vertici della Sesa, sia stato domandato un incontro con il direttore del giornale al fine di intavolare una trattativa per un corposo investimento pubblicitario. I giornalisti vanno all’appuntamento e riprendono tutto con telecamere nascoste. “Spendiamo tanti soldi sui giornali per convincere della bontà di quello che stiamo facendo” dice loro il patron Angelo Mandato. Mentre il responsabile delle relazioni esterne della Sesa Fabrizio Ghedin avverte: “L’importante è che non ci rompete troppo le palle, capito?”. Ghedin, precisa Fanpage,  è anche “un consulente del Governo, è lo spin doctor di Vannia Gava, la sottosegretaria leghista del ministro dell’Ambiente”.

Il video è stato gentilmente concesso da Fanpage

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giugliano, 450 rom accampati senza acqua né elettricità. Padre Zanotelli accusa il sindaco. L’assessore: “Lasciati soli”

next