Se si parla di alimentazioni alternative e meno inquinanti di benzina e gasolio, allora il metano può ancora rappresentare una valida scelta per chi cerca il giusto compromesso per tenere bassi i consumi di carburante e le emissioni senza spendere cifre troppo importanti. Audi prova a rispondere a queste esigenze con la nuova A3 Sportback g-tron, sola proposta premium sul mercato con queste caratteristiche.

Per la nuova generazione della berlina, lanciata per la prima volta sul mercato nel 2014, la Casa dei Quattro Anelli ha sostituito il precedente motore da 110 Cv, sempre a metano, con un quattro cilindri 1.5 TFSI da 131 Cv: i serbatoi per il gas da due (entrambi in fibra di carbonio e fibra di vetro) sono passati a tre, per un peso complessivo di 17,3 kg e un’autonomia complessiva a gas naturale di 400 km, promettendo una percorrenza di circa 210 km con appena 10 euro di rifornimento. Quando si esaurisce il metano, entra automaticamente in funzione l’altro serbatoio, quello da 9 litri, che consente di alimentare l’auto anche a benzina.

La nuova A3 cinque porte, disponibile negli allestimenti Sport, Admired e Business, ha di serie il cambio automatico S tronic a doppia frizione e 7 rapporti: gestisce i 200 Nm di coppia motrice che si esprimono tra i 1.400 e 4.000 giri/min. La vettura passa da 0 a 100 km/h in 9,4 secondi e raggiunge una velocità massima di 211 km/h (14 km/h in più della generazione precedente). Anche in modalità di marcia “efficiency” l’auto mantiene buone prestazioni, ottimizzando al contempo i consumi: la spinta del 1.5 turbo è robusta anche a bassi regimi.

Per quanto riguarda le emissioni inquinanti del motore a metano, il confronto con le motorizzazioni convenzionali è molto favorevole, soprattutto se si pensa alla riduzione di PM10 (comunemente conosciute come “polveri sottili”), ridotte del 100%, ma anche considerando la CO2: il metano ne genera il 25% in meno rispetto a un benzina e il 10% in meno rispetto al diesel. Le emissioni della A3 Sportback si attestano, infatti, sui 114 g/km, che non valgono l’agognato Ecobonus ministeriale – che prevede incentivi per veicoli fino a un massimo di 70 g/km –, ma consentono di guadagnare preziose esenzioni dai frequenti blocchi del traffico cittadini (e in alcuni casi anche dal bollo, grazie all’omologazione monovalente).

L’unica vera questione da valutare prima dell’acquisto di un’auto a metano è la presenza di infrastrutture di rifornimento, non omogenea ma in espansione sul territorio nazionale ed europeo: un terzo delle stazioni di metano del vecchio continente si trovano in Italia, ma sono ancora carenti in alcune zone, come Valle d’Aosta e Molise, mentre “fanno il pieno” di distributori le tratte autostradali dell’A14 e dell’A1. C’è poi di buono che da marzo ci si può rifornire di metano col classico self-service (prima non era possibile): ora basta attendere un adeguamento dei distributori. La nuova Audi A3 Sportback è disponibile a partire da un prezzo di 30.400 euro.

AUDI A3 g-tron – LA SCHEDA

Il modello: è la versione a metano della celebre hatchback a 5 porte della casa di Ingolstadt

dimensioni: lunga 4.313 mm, larga 1.785 mm e alta 1.426.

motori: quattro cilindri turbo 1.5 TFSI da 131 CV, 200 Nm di coppia massima, 211 km/h di velocità massima.

consumi omologati nel ciclo WLTP: da 6,4 m3/100 km a 6,8 m3/100 km.

emissioni di CO2: da 114 g/km a 122 g/km.

prezzi: da 30.400 euro con la nuova radio DAB.

ci piace: i consumi sono ottimali, il nuovo motore 1.5 TFSI promette una percorrenza di circa 210 km con appena 10 euro di rifornimento

non ci piace: la poca omogeneità della rete italiana di stazioni di rifornimento per il metano in Italia, che nonostante tutto rimane la più attrezzata in Europa. Ma non è certo un problema di Audi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Toyota GR Supra, la prova de Il Fatto.it – La GT che emoziona – FOTO

prev
Articolo Successivo

Volkswagen T-Cross, la prova de Il Fatto.it – Più scelta col motore diesel – FOTO

next