Adam e Rami meritano la cittadinanza italiana, ma nessuno si è fatto più sentire”. La promessa per ora è rimasta tale. Meno di tre mesi fa Luigi Di Maio e Matteo Salvini avevano manifestato l’intenzione di premiare con la cittadinanza italiana i due giovani Adam e Rami, che il 20 marzo avevano aiutato le forze dell’ordine a fermare il dirottatore del bus sul quale viaggiavano insieme ai loro compagni, Ousseynou Sy, evitando così una strage. Ma dopo gli annunci dei due leader nessuno ha più contattato le famiglie. È la mamma di Adam, Hasnss Uriad, a parlare a margine della consegna delle civiche benemerenze per il patrono della città ai 51 ragazzi coinvolti nel sequestro: “Siamo contenti che i bambini si siano salvati. La cittadianza è un premio d’onore che va dato a chi fa qualcosa di importante per la comunità. Ma ora siamo ancora in attesa, non c’è stato alcun contatto. Cittadinanza o no, ora speriamo che i ragazzi vadano avanti a studiare”

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salute mentale, spesso i malati sono vittime di stigma. E l’indifferenza trionfa

next
Articolo Successivo

Napoli, commerciante ucciso da crollo cornicione. L’amico che lo ha soccorso: “Ambulanza dopo quasi un’ora e mezza”

next