Altro che tabaccaio che spara al ladro per evitare che gli rubi qualcosa. Tutti i migranti in fuga dalla Libia potrebbero legittimamente ribellarsi, per legittima difesa, agli equipaggi che cercano di riportarli nelle mani della Guardia Costiera libica. Lo si legge nelle motivazioni della sentenza del giudice Piero Grillo che manda assolti dopo dieci mesi di carcere i due migranti, uno sudanese e uno ghanese, accusati di una serie di reati; ma, sostanzialmente, di aver capeggiato la rivolta nei confronti dell’equipaggio della nave Vos Thalassa, battente bandiera italiana, che dopo averli salvati li stava riportando verso la Libia.

Era già notevole il ricorso alla legge della legittima difesa. Ancora più ampia e notevole è la motivazione della sentenza, di ben 70 pagine, appena uscita, che nel motivare la decisione presa di assolvere i “ribelli” mette sotto accusa i comportamenti adottati negli ultimi anni nella cosiddetta Sar libica. Per il Tribunale di Trapani i due imputati possono sì avere commesso i fatti, per quanto riguarda minacce o financo violenze (ma non c’è prova di lesioni) nei confronti dell’equipaggio; ma il fatto non costituisce reato. La condotta dell’equipaggio che li conduceva verso la Guardia Costiera libica era una aggressione nei loro confronti, o meglio nei confronti dei loro diritti. Una difesa proporzionata all’aggressione è pienamente legittima.

Il comandante dell’imbarcazione aveva ricevuto quella disposizione dal cosiddetto comando della Sar libica alla quale da Roma gli avevano detto di conformarsi. Era in buona fede, dice il giudice Grillo, quindi la sua condotta era “non giusta, ma semplicemente scusata”. Qui c’è un passo ulteriore importantissimo nella sentenza. Il memorandum tra Italia e Libia del febbraio 2017 (formato da Paolo Gentiloni e Fayez al-Sarraj, ispirato da Marco Minniti) è da ritenersi non legittimo, perché non rispetta i diritti umani e la Convenzione di Amburgo, e non valido perché non è stato mai ratificato dal Parlamento, come dovrebbe essere ogni accordo internazionale.

Dalla lettura delle motivazioni di questa sentenza si evince chiaramente che equipaggi e navi italiane non possono riconsegnare migranti alla Guardia Costiera libica. E sembra di capire che anche le iniziative italiane di rafforzamento dei pattugliamenti libici sono legalmente discutibili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Csm, Cartoni (sospeso): “Incontro con Lotti casuale, non sapevamo arrivasse. Un’imboscata? Sostanzialmente sì”

prev
Articolo Successivo

Omicidio Vinci, famiglia scrive a Bonafede “Per un difetto di notifica gli imputati possono tornare liberi. Abbiamo paura”

next