L’attesa per il giudizio della Commissione europea e il possibile avvio di una procedura di infrazione per il debito eccessivo condiziona poco l’inizio della settimana in Borsa. Dopo una fiammata in avvio, che l’ha portato oltre i 290 punti lo spread tra il Btp e il Bund in chiusura è sceso a 276 punti base dai 287 punti della chiusura di venerdì. Il tasso sul decennale del Tesoro è calato al 2,55%

Anche a Piazza Affari la prima seduta di giugno è stata positiva nonostante le indiscrezioni sulla conferenza stampa indetta dal premier Giuseppe Conte dopo la chiusura dei mercati. La Borsa di Milano ha archiviato la seduta a +0,36%. Debole il comparto bancario: UniCredit ha terminato in calo di mezzo punto percentuale (-0,51%), Intesa Sanpaolo ha segnato un -0,43% e Banco BPM ha lasciato sul parterre l’1,55%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tria: “Danni al negoziato con la Ue per la bozza diventata pubblica. Ho denunciato in procura e avviato indagine interna”

next
Articolo Successivo

Perché per me i minibot della Lega non funzionano e i titoli di sconto fiscale sì

next