L’attesa per il giudizio della Commissione europea e il possibile avvio di una procedura di infrazione per il debito eccessivo condiziona poco l’inizio della settimana in Borsa. Dopo una fiammata in avvio, che l’ha portato oltre i 290 punti lo spread tra il Btp e il Bund in chiusura è sceso a 276 punti base dai 287 punti della chiusura di venerdì. Il tasso sul decennale del Tesoro è calato al 2,55%

Anche a Piazza Affari la prima seduta di giugno è stata positiva nonostante le indiscrezioni sulla conferenza stampa indetta dal premier Giuseppe Conte dopo la chiusura dei mercati. La Borsa di Milano ha archiviato la seduta a +0,36%. Debole il comparto bancario: UniCredit ha terminato in calo di mezzo punto percentuale (-0,51%), Intesa Sanpaolo ha segnato un -0,43% e Banco BPM ha lasciato sul parterre l’1,55%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tria: “Danni al negoziato con la Ue per la bozza diventata pubblica. Ho denunciato in procura e avviato indagine interna”

prev
Articolo Successivo

Perché per me i minibot della Lega non funzionano e i titoli di sconto fiscale sì

next