Un ultimatum a Lega e M5s, con tanto di richiamo alla “lealtà” che sta alla base del contratto di governo. Poi, la richiesta diretta ai vicepremier Di Maio e Salvini, di una risposta “chiara e rapida” per capire se c’è la volontà o meno di andare avanti con il governo. Non mi presterò a vivacchiare per prolungare la mia presenza a palazzo Chigi. Molto semplicemente rimetterò il mio mandato”, ha rivendicato. Durante la conferenza stampa convocata a Palazzo Chiogi, il premier Giuseppe Conte ha più volte strigliato M5s e Lega per il clima “permanente da campagna elettorale“. Per poi avvertire: “Il mio motto è sobri nelle parole e operosi nelle azioni. Se continuiamo nelle provocazioni per mezzo di veline quotidiane, nelle freddure a mezzo social, non possiamo lavorare”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Conte: “No provocazioni mentre io e Tria dialoghiamo con Ue per evitare procedura d’infrazione”

next
Articolo Successivo

Sondaggi, la maggioranza degli elettori di Lega e M5s non vuole che il governo cada. Il Carroccio sfonda quota 36%

next