I migranti a bordo della nave Cigala Fulgosi della Marina militare italiana “saranno accolti in altri cinque Paesi europei e dal Vaticano“. Lo annuncia il ministro dell’Interno Matteo Salvini, sottolineando come nessuna delle persone salvate “sarà a carico degli italiani”. La Marina era intervenuto giovedì scorso nel soccorso di un gommone in avaria al largo delle coste libiche, che aveva a bordo 100 migranti tra i quali 23 minori e 17 donne. La Cigala Fulgosi si è poi diretta verso Genova e attraccherà a Calata Bettolo nella mattinata di domenica.

“Grazie alle nostre buone relazioni, una parte degli extracomunitari sarà accolta in altri cinque paesi europei mentre tutti gli altri saranno ospitati dal Vaticano, che ringraziamo per la sensibilità“, sono le parole di Salvini. In prefettura a Genova, convocata dal prefetto Fiamma Spena, si è tenuta una riunione con enti locali e forze di polizia, per decidere come gestire l’arrivo della nave e lo smistamento dei migranti dopo i controlli sanitari. “È la seconda volta che la prefettura di Genova si trova a gestire uno sbarco di migranti. La volta precedente era avvenuto nel 2014”, ha ricordato il prefetto Spena.

Le operazioni mediche, nella struttura allestita per le visite e le identificazioni a Calata Bettolo, saranno gestite dal personale Usmaf (Ufficio di sanità marittima e di frontiera) del ministero della Salute, che sarà supportato da due medici della Asl3 di Genova, dal primario del Pronto soccorso dell’ospedale Galliera Paolo Cremonesi, da un medico e un infermiere dell’ospedale pediatrico Gaslini. Tra i 100 migranti a bordo, 23 sono minori e 17 donne: tra queste alcune sono incinte e una è al settimo mese di gravidanza. Complessivamente, secondo quanto riferisce l’Ansa, sono una ventina le persone che hanno bisogno di assistenza medica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

2 giugno, Mattarella: “Festa di libertà e democrazia. Incompatibile con chi fomenta scontri alla ricerca di un nemico”

prev
Articolo Successivo

2 giugno, Fico: ‘Festa anche dei migranti’. Salvini: ‘Manca di rispetto a chi dà anima per la patria’. Di Maio si smarca

next