La sperimentazione di Google per il rilevamento e la segnalazione di autovelox e limiti di velocità con Maps si è conclusa, e ufficialmente è disponibile in tutta Italia, e negli oltre 40 Paesi in cui questo servizio non viola la legge. Per dire il vero la diffusione del servizio è iniziata a macchia di leopardo da oltre una settimana, ma non tutti gli utenti ne beneficiavano. Adesso la disponibilità universale è ufficializzata: l’unica cosa da fare è aggiornare l’app Google Maps dello smartphone Android o iOS, sempre che non abbiate impostato il download automatico degli aggiornamenti.

Quando avvierete il navigatore per farvi guidare a destinazione, sarà impossibile non notare le segnalazioni audio e video che indicano la posizione degli autovelox giusto in tempo per rallentare ed evitare multe salate. Come avevamo accennato, la nuova funzione è presa direttamente in prestito da Waze, l’app comprata da Google nel 2013 che faceva della componente social e delle segnalazioni sul traffico uno dei suoi punti di forza.

Gli unici paesi europei esclusi da questa novità sono Francia, Svizzera e Germania, dove la segnalazione degli autovelox non è consentita. Attenzione per chi viaggerà in auto in questi paesi, perché in alcuni casi la polizia è autorizzata a verificare la presenza di applicazioni illegali. Da segnalare infine che al momento c’è una differenza fra l’app per sistemi operativi Android e quella per iOS: nel primo caso gli utenti possono segnalare la presenza degli autovelox fissi e mobili, con iOS non è ancora possibile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nasce Q, l’assistente vocale con voce neutra. Per superare gli stereotipi di genere

prev
Articolo Successivo

Loewe progetta TV che regolano il volume a seconda dell’udito degli ascoltatori, pronti per l’esame audiometrico?

next