Le segnalazioni di autovelox e incidenti stradali iniziano a popolare le schermate di Google Maps, il popolare servizio di navigazione satellitare. Per ora si tratta di una sperimentazione, e le nuove icone appaiono solo in alcuni casi nella modalità di navigazione, nel Regno Unito, Stati Uniti, Australia, Russia, Brasile, Messico, Canada, India e Indonesia.

Non serve spiegare il motivo di questa novità, che è sempre stata apprezzata dall’utenza anche con i vecchi navigatori satellitari a sé stanti: evitare di collezionare multe per eccesso di velocità. Le segnalazioni degli incidenti, invece, sono importanti per evitare di imbottigliarsi in code chilometriche.

Il fatto che queste caratteristiche arrivino adesso è frutto dell’acquisizione da parte di Google di Waze, l’app di navigazione che faceva della componente social e delle segnalazioni sul traffico uno dei suoi punti di forza. Google sborsò circa 1 miliardo di dollari per acquisirla nel 2013, e ora arrivano i primi frutti dell’investimento.

Nelle schermate finora avvistate appaiono direttamente sulle mappe di Google le icone rosse contraddistinte da una fotocamera, a indicare la presenza di un autovelox. Quando ci si avvicina alla posizione di un autovelox viene anche emesso un segnale audio apposito. Alcuni siti stranieri fanno notare come la visualizzazione di questo elemento sia possibile solo in fase di navigazione – mentre si sta guidando, non nel momento in cui si imposta il percorso, prima di partire.

In basso a sinistra della schermata sono invece riportati i limiti di velocità. Mentre quest’ultima è già visibile da circa un anno e mezzo e solo in alcune aree, quella degli autovelox è una novità. Al momento non ci sono informazioni circa la disponibilità in Italia del servizio. Possiamo ipotizzare che verosimilmente arriverà anche nel Belpaese, con tempi più dilatati rispetto alle zone coinvolte nella prima tornata di test. Nel frattempo, se per voi è fondamentale conoscere la posizione dei rilevatori di velocità, consigliamo di installare Waze, disponibile gratuitamente per i dispositivi Apple e Android.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono firmati 1More gli auricolari Bluetooth con cancellazione attiva del rumore e grande autonomia

next
Articolo Successivo

Diritto alla riparazione, manca solo il voto del Parlamento Europeo. Ecco prodotti coinvolti, reperibilità dei pezzi di ricambio e chi può riceverli

next