Era stato aggredito con un’arma da taglio, forse un cacciavite, dal padre di una 15enne per gli “apprezzamenti” rivolti alla ragazza. Ferite profonde all’addome che nel giro di 24  ore lo hanno portato alla morte, nonostante un delicato intervento chirurgico al quale era stato sottoposto d’urgenza in ospedale Grassi di Ostia. È morto così un 19enne egiziano ferito, insieme a un suo amico, durante una maxi-rissa scoppiata martedì davanti alla stazione Lido del municipio romano.

Secondo la ricostruzione dei carabinieri, i due sarebbero stati aggrediti attorno alle 17 da un gruppo di persone di cui farebbero parte due italiani, uno dei quali con precedenti. Una sorta di raid punitivo. All’origine della lite probabilmente gli apprezzamenti a una ragazza 15enne, figlia di uno degli aggressori. L’adolescente avrebbe raccontato tutto al padre e quest’ultimo, accompagnato da un amico, avrebbe deciso di dare una “punizione” ai due egiziani. 

In totale, già martedì, erano stati fermati per rissa anche un romano di 47 anni, quattro egiziani e un ecuadoregno. L’accusa per il padre dell’adolescente, 38enne romano, era anche di tentato omicidio. Un’ipotesi che si è aggravata in omicidio dopo il decesso del giovane egiziano colpito un’arma, probabilmente un cacciavite, ancora non ritrovata.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bimbo morto a Novara, 23enne accusato dell’omicidio tenta il suicidio in carcere

next
Articolo Successivo

Guido Conti, tutti i dubbi da chiarire sul suicidio dell’ex generale: “Si indaghi sulla posizione del corpo e sulle telefonate”

next