Esattamente vent’anni fa, il 27 maggio 1999, usciva la hit “50 Special”, il brano che avrebbe consacrato il successo dei Lunapop e di Cesare Cremonini. E pensare che la canzone è nata, in seguito a una punizione della madre del cantautore. “Era pomeriggio e mentre facevo finta di studiare Platone, in realtà studiavo l’esame patente – ha confessato a Che Tempo Che Fa -, mia madre passava di lì e guardando il libro si è accorta che era quello della patente! Allora ha preso la chitarra che era vicino al divano e me l’ha spaccata sulla schiena. A quel punto sono andato al pianoforte e ho iniziato a comporre la canzone che è nata in tre minuti”. Vent’anni di carriera che Cesare Cremonini ha deciso di festeggiare nel 2020 con sette date negli stadi italiani tra giugno e luglio – al via dal 21 giugno da Lignano Sabbiadoro – con un gran finale il 18 luglio all’autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola.

“Il 18 luglio 2020 chiuderemo il tour con un grande concerto all’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. – ha raccontato Cremonini presentando l’evento – Sarà un evento straordinario, nato dalla fortissima esigenza di creare uno show indimenticabile in Emilia-Romagna. Mi hanno proposto di celebrare tutto questo in un luogo speciale, nel cuore stesso della mia terra, l’Emilia, che è la mia vita, la mia seconda pelle e il mio DNA. Questa volta non sarà solo Bologna (che ha lo stadio impegnato in una ristrutturazione) ma è un abbraccio a tutta l’Emilia-Romagna. L’autodromo internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola è un luogo magico, reso iconico dalla storia della Formula Uno, dal ricordo commovente e senza tempo di Ayrton Senna, e per quanto riguarda la musica, naturalmente da Vasco Rossi, che lo ha trasformato in un tempio leggendario della musica italiana e internazionale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vasco Rossi, alla vigilia del tour la “disperazione sociale” si ispira all’arte: “Siamo solo noi, il Quarto Stato del rock”

prev
Articolo Successivo

Auguri a Siouxsie Sioux, regina indiscussa della musica goth

next