di Laura Silvia Battaglia

Basatheen significa i “i giardini” e, a dispetto del nome, è uno slum periferico nella città di Aden, la perla dello stretto di mare di Baab al Mandab e oggi capitale della Repubblica dello Yemen devastata dalla guerra. Il quartiere è un condensato di fogne a cielo aperto che si confondono con l’acqua piovana, discariche di rifiuti a ogni angolo di strada, costruzioni sbilenche, baracche di lamiera, tende. In questo luogo vivono circa 7mila persone, la maggior parte delle quali rifugiati somali in Yemen, arrivati qui anche più di vent’anni fa a causa della guerra civile somala. Ma vi vivono anche migranti di etnia oromo dall’Etiopia, sfollati da Gibuti e alcune famiglie beduine yemenite.

I rifugiati sono sempre molto numerosi e molti, a causa della guerra, non vogliono più vivere in Yemen. Nell’ufficio di Intersos, nel centro del quartiere, gli operatori accolgono i rifugiati somali che vogliono informazioni sul programma di rimpatrio denominato Asr (Assisted Spontaneous Returns for Somali Refugees) e attivato da Unhcr e Iom dal 2017. Chi lo desidera può accarezzare l’idea di ritornare in Africa, anche con tutta la famiglia, affrontando un altro viaggio in mare, ma sicuro. Solo tra il gennaio e il settembre 2018, le richieste sono state 2215.

Ma a Basatheen sono molti anche coloro che resistono e che si battono per un futuro migliore. Per questo, la  Ngo Intersos ha attivato anche il progetto Dafi (Albert Einstein German Academic Refugee Initiative) che individua giovani della comunità somala meritevoli di borse di studio. Tra loro, Iqra Ali Othman e Kamel Hussein Ali guidano la Somali Youth Initiative, di cui adesso Iqra è presidente. Entrambi con storie di migrazione e di povertà difficili alle spalle, hanno vinto una dura selezione per accedere alle borse  universitarie. Raccontando di quanto Basatheen sia importante per loro, Iqra e Kamel dicono: “Siamo orgogliosi di essere somali ma la nostra vita e i nostri sforzi vanno al nostro Paese di accoglienza: lo Yemen in guerra”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Antisemitismo, in Germania sconsigliata la kippah in pubblico. La reazione di Israele: “È una resa”

prev
Articolo Successivo

Spagna, rissa a Cadice: arrestato uno dei quattro italiani fermati dalla polizia

next