“Non so cosa sia successo tra quei due gruppi, la nostra barista mi ha detto che gli italiani erano molto ubriachi“. A raccontarlo a Repubblica è Ignacio, il responsabile di sala del “Momart Club“, la discoteca più nota di Cadice, in Spagna, davanti alla quale all’alba di sabato mattina quattro studenti italiani in Erasmus si sono scagliati con calci e pugni contro un ragazzo spagnolo, ora ricoverato in coma farmacologico, durante una rissa. Gli aggressori hanno tutti tra i 21 e i 29 anni: ora si trovano in carcere in attesa di sapere qual è l’accusa a loro carico in base alle condizioni di salute dello spagnolo che ora si trova sedato a causa del trauma alla testa: se dovesse aggravarsi, dalle lesioni gravi si passerebbe infatti al tentato omicidio. Della vittima si sa che “è una nostra vecchia conoscenza – ha spiegato ancora Ignacio -. Lui e suo fratello finiscono spesso in risse e pestaggi, sono delle teste calde, credo abbiano anche dei precedenti penali”. In carcere sono finitiEmilio Di Puorto, 29 anni, di Napoli, Nicola Iannetta, di 21 anni di Salerno, Dario Bordoni, di 25 anni e Luca Maicon Vinicius Bellavia, di 22 anni (di questi ultimi due non è ancora nota la città di residenza).

Intanto, gli inquirenti spagnoli assieme all’Interpol italiana stanno analizzando il filmato girato da uno degli addetti alla sicurezza della discoteca che ha immortalato tutta la scena con il suo telefonino. Il tutto senza mai intervenire, nonostante nel video si senta chiaramente una ragazza amica degli italiani gridare e chiedergli aiuto. Nelle immagini, piuttosto crude, si vedono una decina di persone affrontarsi e attaccare briga: uno di loro, la vittima, all’improvviso riceve un pugno in faccia e cade a terra. A quel punto si vede un altro ragazzo tirargli un violento calcio alla testa. Il giovane perde immediatamente conoscenza, mentre altri urlano e cercano di sollevarlo, senza riuscire a rianimarlo. Cosa abbia scatenato la rissa ancora non è chiaro: si parla di futili motivi, forse un litigio nato per una ragazza o anche solo per il troppo alcol in corpo, ma spetta ora ai quattro ragazzi italiani – ricostruire come sono andate davvero le cose davanti al giudice che oggi dovrà convalidarne il fermo, spiegando la causa di tanta violenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spagna, rissa fuori da un locale a Cadice: 30enne in coma per un calcio in testa. Arrestati 4 studenti italiani in Erasmus

prev
Articolo Successivo

Le case popolari non vanno abbattute, ma ripensate

next