Siparietto a Otto e Mezzo (La7) tra il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, e la conduttrice della trasmissione, Lilli Gruber.

La giornalista rimprovera il leader della Lega: Il famoso mazzo di fiori di scuse che lei mi aveva promesso non è mai arrivato“.
“Ma io voglio omaggiarla di persona con dei cioccolatini fatti in Italia – risponde Salvini – visto che stasera sarò a Novi Ligure, patria del cioccolato”.
“No, ma lei vada dove vuole – ribatte Gruber – Volevo solo dire che, se tutte le sue promesse elettorali sono così farlocche come il mazzo di fiori per me, non sono messi tanto bene i suoi elettori“.
“Porti pazienza e mi scusi – replica Salvini – Ho i limiti di un maschietto”.

Nel corso del talk show politico, il ministro leghista non manca di esibire un altro simbolo religioso. Stavolta si tratta di un santino di Padre Pio. E spiega: “Ci credo. Sono cristiano e cerco di testimoniare la mia fede con il mio lavoro. Vado sempre in giro col rosario, oggi invece mi hanno regalato l’immaginetta di Padre Pio”.
“Su questo però è arrivato prima Conte“, commenta ironicamente la giornalista Marianna Aprile.
“Io ci credo – ribadisce Salvini – Credo che ci sia qualcuno sopra di noi che ci aiuta, ci accompagna, ci corregge, ci protegge. Non Matteo Salvini, ma il popolo italiano”.
Veramente non so se tutto il popolo italiano creda a quello a cui crede lei – risponde Lilli Gruber – In ogni caso, diciamo che normalmente la fede è una questione molto riservata e molto privata”.