Botta e risposta a Otto e Mezzo (La7) tra il ministro dell’Interno Matteo Salvini, e la conduttrice Lilli Gruber. “Ieri ha detto che le toccava venire qui e non ne aveva voglia – esordisce la giornalista – e ne ha fatto una questione di simpatia. Mi aspettavo un mazzo di fiori e delle scuse“.
“Ma io le voglio un sacco di bene“, risponde Salvini.
“Perché allora – replica Gruber – dice queste sciocchezze in un comizio? Non è stato educato”.
“Io passo la giornata ad occuparmi di droga, terrorismo, immigrazione. Mi pagano per questo, non per essere educato”, ribatte Salvini.
No, la pagano anche per essere educato“.

Salvini poi annuncia che chiuderà tutti i negozi di cannabis e che vieterà “tutte le feste” in tema. Gruber gli ricorda che la posizione del ministro della Salute Giulia Grillo è diversa.
E Salvini puntualizza: “La droga fa male. Io su questo litigo coi 5 Stelle. Se c’è un parlamentare M5s, come c’è, che propone che lo Stato diventi per legge spacciatore di droga, io su questo vado fino in fondo. E su questo sì che un governo può andare a casa“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siri, Damilano vs Bonafede: “Troppo facile per M5s prendersela con lui adesso”. “Questo lo dice lei”

prev
Articolo Successivo

Salone del Libro, Appendino e Chiamparino annunciano: “Altaforte non ci sarà, tuteliamo storia e valori”

next