Airbus ha svelato le foto del prototipo Alpha Two in scala 1:1. È il modello più avanzato del suo taxi volante a guida autonoma e verrà impiegato per proseguire con le sperimentazioni già in fase avanzata, grazie ai molteplici voli di prova spiccati con Alpha One. Rispetto a quest’ultimo, Alpha Two è il primo dimostratore tecnologico con gli interni finiti. Si ha quindi la possibilità di capire come sarebbe salire a bordo di questo taxi per raggiungere velocemente la propria destinazione.

Sfogliando le immagini, sono evidenti le differenze fra questo velivolo e il Lilium tedesco di cui abbiamo parlato la scorsa settimana: Airbus ha progettato un modello con un solo posto a sedere, Lilium uno a cinque posti (un pilota e quattro passeggeri). Ecco perché per Airbus è indispensabile che Alpha Two sia un prodotto a guida autonoma. Per Lilium la questione è secondaria: inizialmente i velivoli avranno a bordo un pilota, solo in un secondo momento arriverà la guida autonoma.

Tornando ad Airbus, il sedile e la tappezzeria interna sembrano di alta classe, potrebbero bastare per compensare a uno spazio piuttosto angusto. Oltre all’ampia calotta trasparente che permette di apprezzare il panorama, è predisposto uno schermo LCD che aggiorna in tempo reale sul percorso di volo.

Nel post ufficiale si apprende che l’azienda progetta di erogare oltre 1 miliardo di ore di volo all’anno a pieno regime. Per questo la guida autonoma è fondamentale, altrimenti il numero di piloti necessari sarebbe insostenibile. Per fornire voli sicuri ai passeggeri l’equipaggiamento dovrà includere tutto il necessario per garantire che l’aeromobile sia in grado di analizzare, comprendere e interagire con l’ambiente circostante durante le operazioni di decollo, di volo e di atterraggio, in modo da non costituire pericoli né per i propri passeggeri né per chi lo circonda.

Ovviamente a rassicurare sul fronte della sicurezza saranno in ultima analisi le certificazioni di autorizzazione al volo, erogate dagli enti preposti al termine della fase sperimentale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Huawei e Google cercano insieme una soluzione per Android, aziende USA a rischio di ingenti perdite

next