Si è fatto tanto parlare di taxi volanti, la startup tedesca Lilium ha effettuato il suo primo decollo senza pilota, nei cieli della Germania. Secondo l’azienda, questo velivolo a decollo verticale potrebbe costituire, entro sei anni, la base per un servizio aereo su richiesta.

Dispone di cinque posti (un pilota e quattro passeggeri), 36 motori completamente elettrici, e può raggiungere una velocità massima di circa 130 km/h. L’autonomia dichiarata è di 130 km, e la caratteristica che attira l’attenzione fin dal primo sguardo è che è privo di coda, timone o cambio. Quando entrerà in servizio, questo mezzo sarà pilotato da un essere umano, ma è già stata messa in preventivo la guida autonoma. Per vedere una flotta perfettamente funzionante e autorizzata al volo bisognerà attendere il 2025. Almeno questo è l’obiettivo dichiarato.

 

Per chi si sta chiedendo quanto potrebbe costare un “passaggio” su questo taxi volante, la risposta è che con una sufficiente economia di scala, le tariffe potrebbero aggirarsi attorno ai 70 dollari a testa per un trasporto ad esempio dall’Aeroporto Internazionale John F. Kennedy a Manhattan.

Daniel Wiegand, cofondatore e amministratore delegato di Lilium, vede il primo decollo come “un enorme passo avanti verso la realizzazione della mobilità aerea urbana“. La progettazione è stata lunga: per realizzare l’auto volante Lilium ha impiegato due anni, e ci sono voluti 20 mesi di lavoro “solo per effettuare decollo e atterraggio. Adesso avvieremo un programma di test per ottenere la certificazione al volo”, che non è un passaggio scontato.

Il progetto è mirato a operare servizi sul modello pay-per-ride, come i taxi: gli utenti prenoteranno il volo tramite un’app per smartphone, come accade attualmente con servizi come Uber. Il servizio offerto con i velivoli Lilium, promettono i responsabili, sarà privo di emissioni inquinanti, cinque volte più veloce di una vettura e meno rumoroso di una moto.‎

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Videogiochi violenti, ho ricevuto una marea di critiche! Ecco la mia replica definitiva

prev
Articolo Successivo

La nuova microSD Sandisk da 1 TB fa gola a fotografi e giocatori, ma costa una fortuna

next