Una querelle che va avanti da anni e che ora arriva in un’aula di tribunale. Si tratta della disputa “eterna” tra i fratelli Muccino: l’attore e regista Silvio, il fratello minore, è stato rinviato a giudizio a Roma per diffamazione nei confronti di Gabriele. Al centro della disputa, le dichiarazioni rese durante la trasmissione televisiva L’Arena del 3 aprile 2016 in cui Silvio accusava l’autore de L’ultimo bacio di aver picchiato l’ex moglie, Elena Maioni. “Indicò il fratello Gabriele come persona violenta per avere colpito nel 2012 con uno schiaffo la moglie, perforandole il timpano”, si legge nel capo di imputazione. La prima udienza è fissata per il 14 maggio 2020 davanti al giudice monocratico della Capitale. Soddisfazione dal difensore di Gabriele, l’avvocato Carlo Longari: “E’ un primo passo verso l’accertamento della verità a fronte di quanto era stato diffuso davanti a milioni di telespettatori nei confronti del mio assistito”.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fedez nomina Mark Caltagirone su Instagram e lui risponde: il botta e risposta (col fake del fake)

prev
Articolo Successivo

Cannes 2019, Brad Pitt e Leonardo di Caprio a sorpresa omaggiano Luke Perry

next