Ma che avete fatto oggi? Siete andati al corso dei programmi della D’Urso, dove s’ammazzano tutti?”, con questa frase Massimo Giletti aveva provato a riportare la calma durante un talk di Non è l’Arena. Gasparri, Telese e Giordano discutevano con toni animati sul reddito di cittadinanza, urlando e sovrapponendosi. Il conduttore quindi lancia una frecciatina al volto di Canale 5 e su questo episodio è tornato nel corso di un’intervista rilasciata al settimanale Chi: “Non mi piace il suo modo di fare informazione? Per me l’informazione è altro, non voglio polemizzare con chi fa una tv anche di successo, ma sono contro l’esasperazione dialettica del nulla. Una certa morbosità può produrre effetti negativi su chi non ha gli strumenti per filtrare la realtà”.

Parole che non solo confermano ma quasi peggiorano la battuta pronunciata in diretta. Qualche settimana fa il giornalista nel collegamento con il TgLa7 aveva tirato in ballo sempre la D’Urso parlando del suo futuro. “Non vorrei che facessi Non è non è l’Arena“, aveva scherzato Mentana a cui Giletti aveva replicato così: “Quello lo ha già la D’Urso con Non è la D’Urso.” Nel 2013 durante un’intervista piuttosto accesa con Silvio Berlusconi che minacciava lo studio il padrone di casa aveva precisato: “Presidente, non siamo dalla D’Urso”.

D’Urso a parte, cosa farà il conduttore torinese nella prossima stagione? La Rai è ancora nel suo cuore: “Perché mi lega un amore profondo, ci ho passato 27 anni e quei muri e quelle scale raccontano la mia vita, quando passo davanti a viale Mazzini non riesco a restare indifferente”. Sul caso Fazio e sulle polemiche per il suo compenso conclude così: “Fazio è un grandissimo professionista, starei attendo a privarmi di un personaggio importante. Ridurgli lo stipendio? Beh, certamente ha un grande procuratore… (ride, ndr)”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Prende la mazza da baseball e massacra di botte un presunto ladro: solo dopo si accorge che si tratta della madre

prev
Articolo Successivo

Britney Spears potrebbe non esibirsi mai più: “I farmaci non le fanno effetto”

next