Dirigente della Regione Lazio, imputata nell’ambito di un processo per truffa nei confronti del suo stesso ente – che si è pure costituito parte civile – sulla cui testa pende una richiesta di condanna di 10 anni di carcere. Nonostante questo, il 22 gennaio 2019 Tiziana Petucci è stata nominata dal governatore Nicola Zingaretti a capo della Direzione regionale per lo Sviluppo Economico, le Attività Produttive e Lazio Creativo, incarico per il quale è previsto un compenso di circa 155mila euro l’anno più l’indennità di risultato. Ad accorgersi della possibile inopportunità della nomina è stata proprio la Lega, sulla scorta dei paragoni con il caso dell’ex sottosegretario Armando Siri che ha tenuto banco per giorni nella politica nazionale. Il capogruppo in consiglio regionale, Orlando Tripodi, il 3 maggio scorso ha depositato un’interrogazione urgente al presidente della Regione. “L’incarico è stato scelto su valutazione dei curriculum, si sarebbe andati incontro a possibili richieste di risarcimento danni in caso di assoluzione”, spiegano dalla Regione Lazio.

L’INCHIESTA SAN RAFFAELE – La vicenda che coinvolge la dirigente Petucci riguarda l’inchiesta della Procura di Roma sulla presunta truffa da 163 milioni di euro ai danni del sistema sanitario del Lazio. Fra i principali imputati per associazione a delinquere, ci sono il deputato di Forza Italia, Antonio Angelucci, e suo figlio Giampaolo. L’accusa è quella di aver dato vita a una complessa organizzazione mirata a garantire l’impunità della casa di cura San Raffaele di Velletri, convenzionata con la Regione. Oltre ad Angelucci padre e figlio, sono imputate altre 13 persone tra dirigenti della casa di cura e funzionari regionali e per ognuna di loro sono stati chiesti 10 anni di carcere. Fra questi c’è, appunto, Tiziana Petucci – all’epoca dei fatti dirigente dell’Area sistemi di finanziamento – che insieme ad altri due colleghi risponde di falso ideologico e abuso d’ufficio. La Regione Lazio si è costituita parte civile nel procedimento. La sentenza è prevista per il prossimo 26 giugno. Le circostanze penali sono state riassunte del capogruppo leghista nelle premesse dell’interrogazione, ma per “motivi di privacy” sul sito del Consiglio regionale del Lazio il testo presentato appare in parte omissato.

LA REGIONE: “C’E’ PRESUNZIONE INNOCENZA” – IlFattoQuotidiano.it ha chiesto conto della vicenda all’ufficio stampa della Regione Lazio. “La selezione per il posto da direttore Sviluppo Economico – spiegano da via Cristoforo Colombo – è avvenuta attraverso la valutazione dei curriculum. I criteri oggettivi del bando hanno determinato come la dottoressa Petucci fosse la più titolata ad occupare quel ruolo fra i dirigenti interni che hanno risposto. La dirigente è una dipendente della Regione Lazio e finché non si conclude il processo esiste la presunzione d’innocenza. Se l’avessimo discriminata per questo, in caso di assoluzione avrebbe potuto rivalersi sull’Ente aprendo anche scenari di danno erariale. Se la dottoressa Petucci dovesse essere condannata, la Regione prenderà tutti i provvedimenti di legge del caso”. La versione non convince il sindacato dei dirigenti, il Direr. “Ormai non si contano più i direttori apicali nominati da Zingaretti su cui pendono accuse in fase istruttoria o addirittura dibattimentale – dice la segretaria Roberta Bernardeschi – Anche l’Anac ha censurato le scelte del presidente, che ormai fa come gli pare. La Regione ha la facoltà di legge di tenere i dirigenti imputati per reati così gravi al minimo sindacale, con incarichi che comunque sfiorano i 100mila euro l’anno”. Critica anche la Lega, che ha presentato l’interrogazione: “Nicola Zingaretti si scopre garantista e giustizialista a seconda della convenienza. Qui c’è una dirigente imputata che rischia una condanna a 10 anni, contro cui la Regione si è pure costituita parte civile, che viene addirittura promossa. Noi siamo garantisti, ma non si poteva attendere la sentenza del 26 giungo? Perché le ha conferito un incarico quinquennale?”, attacca Tripodi, sollecitato dal responsabile regionale Sanità, Luisa Regimenti, e dal dirigente regionale del partito, Fabrizio Santori.

E IN CAMPIDOGLIO PRONTO NUOVO CASO SERINI – Intanto anche in Campidoglio sembra esserci un problema simile. Riguarda Fabio Serini, presidente dell’Ipa, Istituto Previdenza Assistenza del Comune di Roma, a processo per traffico d’influenze insieme al suo “sponsor”, Luca Lanzalone – entrambi hanno chiesto il rito abbreviato – nell’ambito dell’inchiesta sullo stadio dell’As Roma. Dopo che nel marzo scorso la sindaca Virginia Raggi ha respinto le sue dimissioni, il 2 aprile scorso Serini ha firmato personalmente la determina che proroga l’impegno di spesa da 32.552 euro per il suo compenso fino al prossimo 25 maggio. E a quanto filtra da ambienti capitolini, l’incarico dovrebbe proseguire almeno fino a tutto il mese di luglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Indennità, dietrofront di Zanda: “Ritirerò proposta per salvaguardare Pd. E querelo Di Maio”. M5s: “Avevamo ragione noi”

prev
Articolo Successivo

Pensioni d’oro, Calderoli: “Abbiamo tagliato quelle dei dipendenti del Senato dal 15 al 40%”

next