Erano attesi aggiornamenti importanti in Spagna sulla Ferrari, per migliorarne le prestazioni e per tentare di reagire allo stradominio della Mercedes in questa prima fase della stagione.

La SF90, a parere di molti, è carente di carico aerodinamico e soffre, per questo, a entrare nella giusta finestra d’esercizio di temperatura delle gomme. Gli aggiornamenti che erano attesi, infatti, dovevano riguardare proprio modifiche all’impianto aerodinamico della macchina, ma invece, a parte qualche piccolo intervento di dettaglio, sulla Ferrari non si sono visti particolari aggiornamenti. Ad osservare la Mercedes nei box spagnoli, dalla mole degli aggiornamenti apportati alla W10, invece, sembrerebbe quasi che a rincorrere fossero le frecce d’argento e non la Rossa.

A Maranello si è preferito lavorare sul motore, facendo debuttare una Power Unit che utilizza nuovi materiali di costruzione dei pistoni e svela una copertura in carbonio che ne migliora lo scorrimento del flussi interni per rendere più efficace il raffreddamento.

Ma perché lavorare ancora sul motore e non sull’aerodinamica della vettura? Il motore non era ormai all’altezza del propulsore Mercedes? Non era abbastanza chiaro che questa monoposto patisse una carenza di carico aerodinamico? E se allora la scelta dell’ala outwash fosse stata, in un certo senso, decisa proprio per nascondere alcuni deficit, ancora non chiusi, di potenza e recupero energetico rispetto a quella della Mercedes?

Verrebbe da pensare dunque che in Ferrari in questo momento si stia continuando a combattere una guerra interna che probabilmente credevamo finita. Per quale motivo? Possibile che Mattia Binotto sul muretto della Rossa possa decidere di sacrificare il reparto aerodinamico per nascondere le difficoltà del suo reparto di provenienza? Possibile che si voglia mettere in cattiva luce altri reparti per paura che altri possano crescere e sopravanzarti o scalzarti dalla posizione attuale? In effetti è quello che è successo tra Maurizio Arrivabene e Binotto. Possibile che si sia tornati indietro di vent’anni quando Ross Brawn trovò un team con tutti i reparti a curare i loro “orticelli” e in guerra tra loro senza curarsi del progetto “vettura”?

Per quello che si può vedere, la Ferrari resta una vettura con poco carico e il terzo settore di Barcellona lo dimostra chiaramente. Lì la Mercedes faceva il tempo e lì la Ferrari perdeva tutto il vantaggio guadagnato nel primo settore. Dove serve carico la Ferrari paga, il cronometro parla chiaro!

Allora perché non sviluppare più l’aerodinamica? Il motore necessita forse di più interventi e ha la priorità? Ok, ma probabilmente non si può così lasciare indietro lo sviluppo aerodinamico. Possibile che un uomo come Binotto, dall’indubbia preparazione, non conosca bene quali erano i metodi portati da Ross Brawn in Ferrari (all’epoca c’era pure lui) per continuare a correre dietro a guerre intestine? Possibile credere questo di Binotto? Non so, io per il momento credo a quello che mi sta dicendo la pista e la pista fornisce risposte negative e per certi aspetti disarmanti. La SF90 non era nata male ma la Mercedes continua a migliorare e ad allungare, ora anche Red Bull, mentre la Ferrari resta ferma e questo… la fa scendere pure dal podio?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Altroconsumo, “slitta a novembre obbligo di dispositivi antiabbandono sui seggiolini in auto per bambini sotto i 4 anni”

prev
Articolo Successivo

Niki Lauda morto, lo spaventoso schianto sulla pista Nuerburgring nel 1976: “Volevo solo continuare a vivere”

next