La Lega si conferma primo partito italiano con il 32 per cento, mentre M5s e Pd lottano per il secondo posto. E’ il quadro dei sondaggi di Noto Sondaggi e Emg Acqua diffusi oggi dal Quotidiano Nazionale e da Agorà (Rai3). I due istituti divergono solo su chi è secondo: per Antonio Noto Cinquestelle e democratici sono appaiati al secondo posto con il 21 per cento, mentre per Fabrizio Masia il Movimento è secondo con il 23,5% (in tendenza positiva, più o,6, rispetto alla settimana scorsa), mentre il Pd è confermato al 21,2, in flessione dello 0,7.

Noto Sondaggi: “Al Sud Movimento 5 Stelle leggermente davanti alla Lega”
Noto in particolare analizza la distribuzione dei voti nelle varie circoscrizioni. A livello nazionale la Lega è al 32 per cento. La roccaforte del Carroccio è il Nord-Est dove i consensi raggiungono il 43, ma al centro lo sfondamento arriverebbe al 30 e al Sud al 25. Solo nella circoscrizione delle Isole la percentuale sarebbe molto più bassa, al 19. Secondo queste rilevazioni, tra Movimento 5 Stelle e Partito Democratico si registra invece un testa a testa con il 21 per cento dei voti.

I pentastellati possono contare ancora su un consenso molto sopra media nelle Isole, dove resistono al 30 per cento, mentre nel resto del Sud la percentuale si abbassa al 27. Fa notizia il ribaltamento dei punti di raccolta dei voti del Partito Democratico: non più le regioni che storicamente sono ritenute “rosse”, ma il Nord-Ovest sembra essere il motore delle preferenze per i democratici. Mentre al Centro il Pd si fa superare dalla Lega prendendo solo il 21 per cento, nella circoscrizione che comprende Lombardia, Piemonte e Liguria i democratici arriverebbero al 27 per cento.

Secondo Noto Forza Italia non supera il 9 per cento, con una distribuzione dei voti abbastanza omogenea in tutto il Paese e un picco del 12 per cento nelle isole. Fra le formazioni più piccole Fratelli d’Italia è al momento il partito più accreditato a superare la soglia di sbarramento del 4 per cento (5,5), mentre +Europa ad oggi non va oltre il 3,5.

Emg Acqua: “Sei elettori su dieci di M5s e Pd sono contro un’alleanza tra i due partiti”
Secondo i sondaggi di Emg Acqua, invece, Forza Italia otterrebbe il 10,3 mentre Fratelli d’Italia arriverebbe al 5. Non raggiungerebbero invece i tre punti percentuali né Più EuropaLa Sinistra.

Masia ha inoltre fatto altre rilevazioni. Dopo gli arresti di martedì 7 maggio, è stato chiesto al campione di intervistati se secondo loro la corruzione sia aumentata o meno da Tangentopoli in poi: circa metà dei cittadini ritiene che sia aumentata dal tempo delle inchieste di Mani Pulite mentre l’altra metà del paese crede che sia rimasta uguale. La quota più alta è tra gli elettori del M5s (55 per cento), mentre è nella base elettorale del Pd che si trovano i meno convinti. Un’ultima rilevazione sostiene invece che sia tra gli elettori del Movimento Cinque Stelle che tra quelli del Partito Democratico, sei su dieci sono contrari ad una qualsiasi alleanza tra i due schieramenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cannabis light, Marola (Easyjoint): “Salvini? Sbruffoncello, perché non affronta i veri problemi di cocaina ed eroina?”

next
Articolo Successivo

Taglio parlamentari, Giachetti (Pd): “È una cazzata, va superato il bicameralismo perfetto come avevamo proposto”

next