“Promo donna attiva ogni venerdì notte! Valido solo indossando una calzatura con tacco: ingresso al Matilda di Marina di Ravenna a 1 euro entro la mezzanotte”. Così si legge nella locandina pubblicitaria di una discoteca dell’Emilia Romagna con in bella vista le gambe di una donna in minigonna e tacchi a spillo. L’iniziativa è diventata presto virale sui social dove è scoppiata la polemica, sopratutto da parte delle donne, che hanno accusato i gestori del locale di sessismo.

“Omaggio donna valido solo indossando una calzatura con il tacco? Ma almeno vi rendete conto di quanto sia misogina e squallida la condizione che avete imposto? Sempre ammesso che questa cosa sia legale… le donne quindi dovrebbero mettere i tacchi per corrispondere a qualche ideale di femminilità insulso e probabilmente risalente al Medioevo?”, si legge tra i commenti della pagina Facebook della discoteca, come riferisce Il Resto del Carlino. Ma c’è anche chi invece dice: “Praticamente non pagate se venite con i tacchi e vi lamentate anche?“.

Da parte loro, i gestori del Matilda si sono difesi spiegando al quotidiano bolognese che “è abitudine del locale lanciare una promozione riservata a chi entra in discoteca entro mezzanotte. Non c’è nulla di discriminatorio, non diamo giudizi offensivi verso il pubblico femminile e non imponiamo nulla per entrare al Matilda. Semplicemente riconosciamo uno sconto alle donne che entrano entro mezzanotte, in questo caso con i tacchi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cicciolina: “Qualcuno è disposto a pagare 15mila euro per il mio fallo di cristallo. Pito pito? E’ morto, ma non per colpa mia”. L’imbarazzo della D’Urso

prev
Articolo Successivo

Carlo Cracco: “Il tiramisù? Io lo faccio con la panna. E l’ho fatto anche al vapore, tipo soufflè”

next