Lady Gaga fa lo strip-tease sulla scalinata del Met Gala 2019: la diva di “A Star is Born” si è sfilata tre outfit disegnate per lei da Brandon Maxwell per restare alla fine in reggiseno e mutandine, calze a rete e stivaloni con la zeppa – nero e rosa confetto il colore intonato al tema della serata – interpretando in questo modo lo spirito “esagerato” di “Camp: Notes on Fashion“, la mostra del Costume Institute che, complice la sponsorizzazione di Gucci, aprirà i battenti per tre mesi il 9 maggio al Metropolitan Museum di New York.

Spettacolare il look di Katy Perry, che ha lasciato tutti di stucco presentandosi in versione lampadario, con un abito costruito come un grande candeliere con tanto di candele accese con lampadine a led. Accompagnata dalla figlia Bee Carrozzini, che ha optato per Alexander McQueen, Anna Wintour è stata tra le prime ad arrivare in uno Chanel con cappa di milioni di piume come richiesto dal tema della serata ispirata a sua volta a “Notes on Camp”, il saggio del 1964 di Susan Sontag, la cui compagna Annie Leibovitz ha sfilato con le tre figlie, Sarah, Samuelle e Susan. Rosa shocking per Alessandro Michele, il direttore creativo di Gucci arrivato con Harry Styles in camicia “pussy bow”, mentre l’altra madrina, Serena Williams, ha optato per Versace e high tops giallo limone.

Grande assente Sara Jessica Parker, “stasera vado all’estero”, si è giustificata per aver disertato quello che sarebbe stato il suo undicesimo Met Gala. Camp è una estetica sopra le righe, hanno appreso i 600 vip visitando la mostra organizzata da Andrew Bolton, e nessuno ha interpretato meglio il tema di Billy Porter che, come un faraone, si è fatto portare in lettiga da sei uomini a torso nudo con pantaloni dorati, lui vestito come un dio del sole egiziano con tanto di ali, copricapo in oro a 24 carati, scarpe di Giuseppe Zanotti in foglia d’oro e gioielli di Andreoli e Oscar Heyman.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

H&M, le nuove modelle hanno pancetta, smagliature e cellulite

next
Articolo Successivo

Gino Paoli svela il retroscena de “Il cielo in una stanza”: “Racconta l’orgasmo con una pu****a di cui mi ero innamorato”

next