“Penso di essere stato abbastanza esauriente…”. Così il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, risponde ai giornalisti che vorrebbero fargli domande, dopo la sua dichiarazione sulle dimissioni del sottosegretario leghista Armando Siri. A Palazzo Chigi era stata annunciata per le 18.30 una conferenza stampa. Alla fine Conte sceglie di affidare la sua posizione a una dichiarazione scritta che legge davanti alle telecamere. Una cronista insiste a fare una domanda: “Il problema – esordisce – è che Siri quando è diventato sottosegretario era già condannato per bancarotta”. Ma Conte taglia corto, andando via: “Problemi ne abbiamo tanti e ci lavoriamo ogni giorno”. La scorsa settimana, dopo l’approvazione del dl Crescita, non c’era stata conferenza stampa a Palazzo Chigi. E anche in quella occasione più di un giornalista si era lamentato della scelta poco “ortodossa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siri indagato, Conte: “M5s non approfitti per cantare vittoria politica e Lega non si lasci guidare da reazioni corporative”

next
Articolo Successivo

Province, i servizi rimasti nel limbo dopo la riforma a metà di Delrio: ‘Su strade e scuole tocca ancora a noi, ma senza soldi’

next