“Da quando sono salito al trono 30 anni fa, ho esercitato i miei doveri di imperatore con un profondo senso di fiducia e rispetto per il popolo, e mi considero molto fortunato di essere stato in grado di farlo”. Dopo due secoli il Giappone assiste all’abdicazione del suo imperatore: Akihito ha lasciato il trono del Crisantemo, che da domani sarà nelle mani del principe ereditario Naruhito. Si apre così la nuova era Reiwa, la 248esima nella storia Imperiale che significa ‘Ordine, Armonia e Pace’. Nel suo ultimo discorso, l’85enne Akihito ha augurato “al Giappone e al mondo pace e prosperità”. Si è detto “grato per il popolo che mi ha accettato come simbolo e mi ha sostenuto”. E ha concluso: “Oggi, concludo i miei doveri di imperatore. Insieme all’imperatrice auguro sinceramente che la nuova era Reiwa, che inizia domani, sia stabile e fruttuosa, e prego, con tutto il mio cuore, per la pace e la felicità del popolo giapponese e di tutto il mondo”.

Quella di Akihito è la prima abdicazione in circa duecento anni nella storia del Giappone, da quando l’imperatore Kokaku lasciò il trono nel 1817. La cerimonia si è svolta secondo regole fissate dalla Costituzione e la funzione ‘Taiirei-Seiden-no-gi’ (il tradizionale rituale di abdicazione di sua maestà l’imperatore) si è tenuta nella sala di Stato del palazzo imperiale, nel centro di Tokyo. L’imperatore Akihito vestito con abiti tradizionali, ha comunicato il suo ritiro ai suoi antenati, rinunciando al trono dopo un regno durato 30 anni. Domani 1 maggio, ci sarà una seconda cerimonia in cui il principe ereditario Naruhito (59 anni), il figlio maggiore di Akihito, salirà al trono ed erediterà le tradizionali insegne come la spada sacra e i gioielli, come prova della successione.

Il popolo giapponese avrà la possibilità di incontrare il nuovo imperatore, sua moglie, l’imperatrice Masako (55 anni) e altri membri della famiglia reale il 4 maggio, quando si affacceranno sul balcone del palazzo imperiale, ha detto l’Agenzia della casa reale. L’imperatore Akihito e l’imperatrice Michiko, che diventeranno imperatori emeriti e imperatrice emerita rispettivamente in seguito all’abdicazione, non sono tenuti a partecipare all’evento. Per il Giappone, l’ascesa di Naruhito significa l’inizio di una nuova era e un mese prima della successione, il governo ha annunciato che si sarebbe chiamata “Reiwa”. La parola è composta da due caratteri kanji giapponesi – “rei” significa “ordine”, “comando” o “buono” mentre “wa” significa “armonia”. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e sua moglie Melania si recheranno in Giappone il prossimo mese come primi ospiti dello stato del Giappone dopo l’intronizzazione. Più avanti, il governo inviterà anche ospiti provenienti da almeno 195 paesi per partecipare ad eventi che celebrano l’ascesa di Naruhito.

La storia di Akihito – Divenne imperatore l’8 gennaio 1989 all’età di 55 anni, in seguito alla morte del padre, l’imperatore Hirohito, nel cui nome il Giappone combatté e perse la Seconda guerra mondiale. Nell’agosto 2016, in un raro videomessaggio, il sovrano aveva annunciato la sua intenzione di dimettersi, citando come motivazione il fatto che la sua età avanzata e la sua salute fragile avrebbero potuto impedirgli di adempiere ai suoi doveri ufficiali come simbolo dello stato. Poiché l’imperatore non ha alcun potere politico, non può decidere direttamente l’abdicazione. Così, nel giugno 2017, il parlamento giapponese aveva promulgato una legge speciale permettendogli di abdicare.

Durante il regno di Akihito, il Giappone ha subito diverse calamità naturali e il peggior disastro nucleare del mondo dall’incidente di Chernobyl nel 1986. Nel 1995, un terremoto di magnitudo 7,3 scosse la principale città occidentale di Kobe, causando la morte di oltre 6.400 persone. Nel 2011, il nord-est del Giappone è stato colpito da un terremoto di magnitudo 9 che ha causato uno tsunami, in cui sono morte circa 18.500 persone, e una tripla fusione alla centrale nucleare di Fukushima Daiichi.

Nel corso di un evento governativo a febbraio per celebrare il trentesimo anniversario del suo regno, l’imperatore ha ricordato con emozione il sostegno delle persone intervenute per aiutare coloro che si trovavano nella zone colpite da disastri naturali. “In tutta la nazione, le persone hanno condiviso il dolore di quelle comunità come se fossero le loro e si sono schierate con i loro concittadini in vari modi: questi sono tra i ricordi più indimenticabili del mio regno”, ha detto. Akihito ha anche espresso apprezzamento per il tanto necessario sostegno fornito dalla comunità internazionale e dalle organizzazioni globali in seguito a tali disastri. “Innumerevoli paesi, organizzazioni internazionali e regioni ci hanno dato la loro gentile e cortese assistenza, a queste persone offro la mia più profonda gratitudine”, ha detto l’imperatore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, media: “Sventato attacco terroristico da ex veterano convertito all’Islam”

next
Articolo Successivo

Venezuela, blindati di Maduro contro i manifestanti pro-Guaidò. Presidente assemblea nazionale: “Fine usurpazione”

next