“Ti ho dedicato tutta la mia vita. Ti amo”. Un ultimo messaggio lasciato su Facebook poi ha ucciso la moglie e si è suicidato. È successo la scorsa notte a Ragusa, dove un poliziotto di 42 anni – del quale sono state fornite per ora solo le iniziali, S. C. – ha sparato alla compagna di 33 anni con la pistola d’ordinanza mentre dormiva e poi si è tolto la vita. La coppia aveva due figli di 6 e 7 anni. I due si erano conosciuti in Piemonte, dove il poliziotto prestava servizio nella Polstrada, e si erano sposati otto anni fa. Pare che sia stata una delle bambine a dare l’allarme telefonando a un parente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Manduria, le vessazioni condivise in chat: nei video schiaffi, calci, furti e risate. Così i ragazzi bullizzavano l’anziano morto

prev
Articolo Successivo

Manduria, i funerali dell’uomo vittima della baby-gang. Il procuratore: “Se chi sapeva ci avesse avvisato, sarebbe vivo”

next