La I commissione del Consiglio superiore della magistratura ha chiesto al comitato di presidenza l’apertura di una pratica a carico di Emilio Sirianni, giudice della Corte d’appello di Catanzaro. Il magistrato, secondo quanto riportato oggi dal “Giornale”, avrebbe dato suggerimenti a Mimmo Lucano, il sindaco di Riace “sospeso” dopo l’inchiesta della procura di Locri che ha ottenuto il rinvio a giudizio del primo cittadino impegnato in prima linea nella  gestione dei migranti nel comune calabrese.

Gli inquirenti hanno comunque chiesto l’archiviazione del magistrato ritenendo l’insussistenza del reato di favoreggiamento. La I commissione del Csm, che ha competenza sui trasferimenti per incompatibilità funzionale e ambientale, ha chiesto l’apertura di una pratica a carico del giudice al Comitato di presidenza, che valuterà nei prossimi giorni se concedere l’autorizzazione.

Stando a quando scrive il quotidiano diretto da Alessandro Sallusti, nella richiesta di archiviazione i pm avrebbero utilizzato parole pesanti contro il collega: “Il contegno mantenuto – si leggerebbe nel provvedimento – è stato poco consono a una persona appartenente all’ordinamento giudiziario, la quale peraltro era consapevole di parlare con una persona indagata”. Ma non solo: “In svariate occasioni il dottore Sirianni ha allertato il Lucano a parlare di persona con lui evitando comunicazioni telefoniche”. In un passaggio, il procuratore di Locri Luigi D’Alessio avrebbe definito Sirianni “permanente consiliori” del sindaco sottoposto al divieto di dimora e, poche settimane fa, rinviato a giudizio per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, associazione a delinquere finalizzata alla gestione dei fondi dell’accoglienza, concussione e per alcune irregolarità su un appalto per l’assegnazione del servizio di raccolta dei rifiuti a due cooperative. “Nel corso dell’indagine – scrive sempre il procuratore D’Alessio – sono emersi costanti rapporti tra il principale indagato, Lucano Domenico, e Sirianni Emilio, magistrato in servizio presso la Corte d’appello di Catanzaro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vicenza, incarichi per 140mila euro al prof di storia dell’arte Villa senza il consenso del suo ateneo: maxi multa a tre società

next