Ferito dal proprietario di casa che ha sparato più volte per mettere in fuga i ladri sorpresi nel soggiorno della sua casa di Monterotondo, vicino a Roma. Su questa ipotesi lavorano i carabinieri della compagnia locale, coordinati dalla procura di Tivoli, per ricostruire cosa sia successo al 16enne albanese che sabato sera è stato lasciato da un’auto davanti al pronto soccorso del policlinico Gemelli della Capitale. Il ragazzo è ricoverato in gravi condizioni: secondo le ultime informazioni, è stato operato ed è fuori pericolo, ma la prognosi resta riservata.

Sabato sera un 50enne residente a Monterotondo ha chiamato il 112 denunciando una rapina in casa. Ha sorpreso i ladri nel proprio soggiorno e ha esploso più colpi di pistola mettendoli in fuga. Potrebbe essere stato lui a ferire il sedicenne albanese che mezz’ora dopo la telefonata è stato trovato davanti al Gemelli. L’arma, regolarmente detenuta, è stata posta sotto sequestro. Da una prima ricostruzione sembra che il gruppo di ladri sia entrato in casa forzando una porta finestra. L’ipotesi è quindi che i due episodi siano collegati: a Monterotondo sono in corso i rilievi dei carabinieri e del nucleo investigativo di Ostia. Gli investigatori stanno anche scavando nella vita del ragazzo e vagliando le immagini delle telecamere di sorveglianza della zona per risalire alla macchina che sabato sera lo ha lasciato davanti all’ospedale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, incendiata il 25 aprile la libreria-bistrot antifascista: “Attacco doloso, commossi dalla solidarietà”

prev
Articolo Successivo

Lerici, cade cancello di ingresso di un parco giochi: muore una bambina di 3 anni, ferito il nonno

next