Ferito dal proprietario di casa che ha sparato più volte per mettere in fuga i ladri sorpresi nel soggiorno della sua casa di Monterotondo, vicino a Roma. Su questa ipotesi lavorano i carabinieri della compagnia locale, coordinati dalla procura di Tivoli, per ricostruire cosa sia successo al 16enne albanese che sabato sera è stato lasciato da un’auto davanti al pronto soccorso del policlinico Gemelli della Capitale. Il ragazzo è ricoverato in gravi condizioni: secondo le ultime informazioni, è stato operato ed è fuori pericolo, ma la prognosi resta riservata.

Sabato sera un 50enne residente a Monterotondo ha chiamato il 112 denunciando una rapina in casa. Ha sorpreso i ladri nel proprio soggiorno e ha esploso più colpi di pistola mettendoli in fuga. Potrebbe essere stato lui a ferire il sedicenne albanese che mezz’ora dopo la telefonata è stato trovato davanti al Gemelli. L’arma, regolarmente detenuta, è stata posta sotto sequestro. Da una prima ricostruzione sembra che il gruppo di ladri sia entrato in casa forzando una porta finestra. L’ipotesi è quindi che i due episodi siano collegati: a Monterotondo sono in corso i rilievi dei carabinieri e del nucleo investigativo di Ostia. Gli investigatori stanno anche scavando nella vita del ragazzo e vagliando le immagini delle telecamere di sorveglianza della zona per risalire alla macchina che sabato sera lo ha lasciato davanti all’ospedale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Lerici, cade cancello di ingresso di un parco giochi: muore una bambina di 3 anni, ferito il nonno

next