Ciao Darwin è finito nell’occhio del ciclone a causa dell’incidente capitato a un concorrente che ora rischia di rimanere paralizzato, ma quello non è stato l’unico infortunio capitato durante le riprese del programma di Paolo Bonolis. A farsi male è stata infatti anche un’altra concorrente, Deborah Bianchi, una personal trainer di Roma che ha raccontato quanto accaduto a Fanpage.it. Anche per lei è stato fatale il “Genodrome”, a causa del quale si è fratturata una caviglia e, stando alle ultime notizie che ha ricevuto dai medici, è ancora incerta la possibilità di tornare a camminare come prima.

“Durante il gioco del Genodrome, purtroppo c’è stato questo incidente su questa discesa in cui scendendola mi si è proprio girato il piede. Ho sentito il rumore dell’osso spezzarsi e mi sono accorta subito che era rotto. Sia dal rumore che dal dolore, che è stato atroce – ha raccontato Deborah Bianchi a Fanpage -. Mi hanno quasi subito soccorso perché inizialmente non si erano resi conto della gravità dell’accaduto, mi ha soccorso l’ambulanza che era lì, mi hanno messo in barella e mi hanno portato all’ospedale di Tivoli. Lì mi hanno fatto il pronto soccorso e dalla lastra si sono accorti che avevo una frattura scomposta e quindi andava operata”.

“Sono stata operata, mi hanno messo una placca e sei chiodi all’interno del piede, che andranno rimosse tra sei mesi, un anno – ha continuato -. Dovrò subire un altro intervento. Le conseguenze? Ancora non cammino. Devo deambulare su una sedia a rotelle. La mia professione è quella di personal trainer, professione che sono stata costretta a interrompere e chissà se riuscirò di nuovo a esercitare, perché il piede non ritornerà al cento per cento. Adesso come adesso, la voglia è ritornare a camminare e ritornare ad avere una vita normale”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Viiiiaaaaahhh!!! Verso l’infinito ed oltre…. 😂😖

Un post condiviso da deborah bianchi (@_deboritas_) in data:

“Sui rischi, loro non è che te lo dicono. Lo sappiamo facendo quel gioco, ma non avevo mai pensato che potesse succedere una cosa del genere”, ha spiegato la concorrente. “Ci hanno fatto firmare vari moduli. Però, quello dove c’erano spiegate le eventuali problematiche era sulle prove di coraggio. Sul Genodrome, non ci hanno spiegato molto i rischi e ora non ricordo bene se c’era un modulo particolare sul Genodrome. Sulla prova di coraggio, sì, c’era un fascicolo a parte”. Nel Genodrome, ha precisato, “c’è un alto rischio di farsi male, quindi non so se vale la pena, per far ridere, far succedere tutto questo”.