“Oggi pur dovendo celebrare il sacrificio di quanti donarono la propria vita per un’ideale di libertà dobbiamo però mettere tutti i morti sullo stesso piano”. Il sindaco leghista Luca Aliievi ha scelto queste parole per celebrare la Festa della Liberazione a Seveso. Un discorso destinato a fare discutere dopo la scelta dell’amministrazione di escludere dai discorsi ufficiali l’Anpi: “C’è stato un tentativo maldestro di applicare una censura al nostro discorso – racconta Giulia Spada, Anpi – perciò abbiamo deciso che la nostra presenza sarebbe stata confermata in tutte le modalità”. I rappresentanti dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia hanno così preso la parola dopo i discorsi ufficiali per ribadire che “i morti non sono tutti uguali perchè c’è chi è morto per la nostra libertà e chi per togliere quelal libertà, il futuro si costruisce sulla consapevolezza del passato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 aprile, Fico: “Istituzioni repubblicane sono per forza antifasciste. La liberazione permette ai ministri di essere ministri”

next
Articolo Successivo

25 aprile, la sindaca di Lentate sul Seveso abolisce la festa: “La sinistra se n’è appropriata”. Ma gli abitanti scendono in piazza

next