“Oggi pur dovendo celebrare il sacrificio di quanti donarono la propria vita per un’ideale di libertà dobbiamo però mettere tutti i morti sullo stesso piano”. Il sindaco leghista Luca Aliievi ha scelto queste parole per celebrare la Festa della Liberazione a Seveso. Un discorso destinato a fare discutere dopo la scelta dell’amministrazione di escludere dai discorsi ufficiali l’Anpi: “C’è stato un tentativo maldestro di applicare una censura al nostro discorso – racconta Giulia Spada, Anpi – perciò abbiamo deciso che la nostra presenza sarebbe stata confermata in tutte le modalità”. I rappresentanti dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia hanno così preso la parola dopo i discorsi ufficiali per ribadire che “i morti non sono tutti uguali perchè c’è chi è morto per la nostra libertà e chi per togliere quelal libertà, il futuro si costruisce sulla consapevolezza del passato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 aprile, Fico: “Istituzioni repubblicane sono per forza antifasciste. La liberazione permette ai ministri di essere ministri”

next
Articolo Successivo

25 aprile, la sindaca di Lentate sul Seveso abolisce la festa: “La sinistra se n’è appropriata”. Ma gli abitanti scendono in piazza

next