Botta e risposta vivace a Omnibus (La7) tra il segretario nazionale di +Europa, Benedetto Della Vedova, e Antonio Maria Rinaldi, candidato della Lega alle elezioni europee.
Della Vedova lamenta l’eccessiva attenzione del dibattito mediatico e politico sul caso Siri: “Tutto questo serve a Lega e M5s per non parlare delle questioni più concrete. Intanto, la benzina aumenta, la crescita non c’è, la recessione avanza. Mi auguro che nel corso della campagna elettorale si smetta di parlare di Siri e si parli di più della benzina che aumenta e della recessione”.
“Ma lei sa perché la benzina sta aumentando? – chiede Rinaldi – Lo dica, altrimenti lo dico io. Dalle sue parole sembra che sia colpa di questo governo”.
Salvini aveva promesso di ridurre le accise sulla benzina. Le ha ridotte? No. E la benzina aumenta”, ribatte a più riprese Della Vedova.

Scoppia la bagarre. Rinaldi smentisce, Della Vedova ribadisce: “Non ho promesso io di ridurre le accise. Lo hanno promesso la Lega e Salvini”.
“Mi perdoni – risponde Rinaldi – la benzina aumenta perché sta aumentando il prezzo del greggio sui mercati internazionali. Non dica queste cose, per cortesia”.
“Avevate promesso di ridurre le accise come primo provvedimento – ripete Della Vedova – Le accise sono ancora lì, belle, solide e con l’Iva”.
“La diminuzione sulle accise la sento da quando sono nato e da prima che prendessi la patente”, controbatte l’economista.
Salvini aveva detto che avrebbe ridotto le accise”, ripete Della Vedova.
Lo aveva detto anche Renzi – replica Rinaldi – E poi lo vada a dire a Moscovici, che non consente più dello 0,4 e dobbiamo mantenere un livello di tassazione alto”.
“Renzi è del governo passato – risponde Della Vedova – parliamo del presente”.
“Anche in Francia e in Germania è aumentato il prezzo della benzina – continua Rinaldi – Anche in Svizzera, che non è nella Ue,è aumentato, proprio perché è salito il prezzo del greggio”.
Della Vedova ribadisce la mancata riduzione delle accise sulla benzina e aggiunge: “Avevate promesso di mandar via i clandestini e abbiamo scoperto che non ci sono”.
“L’ha promesso anche Renzi – ripete Rinaldi – Lo stanno dicendo tutti: la Ue ci ha messo dei vincoli”.
La Ue non c’entra niente con le accise – replica Della Vedova – Salvini aveva promesso la riduzione delle accise e non le ha ridotte. Se fossero diminuite le accise, non sarebbe aumentato il prezzo della benzina, nonostante l’aumento del costo del petrolio”.
“Allora dica a Moscovici di poterci dare più dello 0,4”, ribadisce Rinaldi.
“Così non va bene discutere”, commenta la conduttrice Alessandra Sardoni, che manda la pausa pubblicitaria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La7, Boldrini vs Giordano: “Io non voglio parlare con chi scrive bufale da anni”. “Se do fastidio vado via”

prev
Articolo Successivo

25 aprile, Meli: “Chi contesta brigata ebraica non sa che palestinesi erano alleati dei nazisti”. Battibecco con Majorino

next