“Secondo quanto è stato riferito dai medici ha riportato lo schiacciamento di due vertebre, con una lesione al midollo che ha compresso il torace, impedendogli di respirare“. Sono queste le condizioni di salute di Gabriele, il 54enne romano rimasto coinvolto mercoledì scorso in un incidente nel corso della registrazione dell’ultima puntata di Ciao Darwin, il programma di Canale 5 condotto da Paolo Bonolis, come ha spiegato il cugino Stefano Ambrosetti al MessaggeroL’uomo, “impiegato in un ingrosso di pesce”, stava partecipando al gioco dei rulli del Genodrome quando è caduto di schiena.

“Quelli della produzione mi hanno chiamato perché avevano il mio contatto, e mi hanno chiesto il numero di telefono di sua moglie per dirgli che era caduto”, ha spiegato il cugino di Gabriele al quotidiano romano. Il 54enne è stato ricoverato d’urgenza all’ospedale Sandro Pertini di Roma e poi trasferito al Policlinico, dove è stato operato d’urgenza e ora è in terapia intensiva. “L’operazione è perfettamente riuscita, ma dal momento della caduta a oggi, dal collo in giù è completamente immobile. Gabriele è vigile e cosciente ma non riesce a muoversi. Le sue condizioni sono critiche – ha detto ancora Ambrosetti al Messaggero-. La nostra rabbia è dipesa anche dal fatto che hanno continuato a registrare nonostante un fatto così grave. Hanno continuato come se nulla fosse, tanto che sulla pagina Facebook di Ciao Darwin continuano a postare notizie scherzose. Altro che caduta di schiena la sua: stiamo vivendo un incubo”, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Matteo Viviani, furto a casa dell’inviato de “Le Iene”: i ladri si portano via bottino da 75mila euro

next
Articolo Successivo

Principe Harry e Meghan Markle, i paparazzi furiosi con loro: “Che senso hanno i reali se non si fanno vedere?”

next